Come nascondere la calvizie: la tricopigmentazione.

La calvizie è un problema che affligge migliaia di persone e in particolar modo gli uomini. Tecnicamente la calvizie si chiama: lopecia androgenetica, e riguarda la perdita dei capelli a causa della suscettibilità dei follicoli piliferi.

La calvizie colpisce anche le donne ma, in una percentuale molto più bassa che negli uomini. Spesso e volentieri la perdita dei capelli avviene gradualmente e il picco si presenta sempre tra i 30 e i 40 anni di età. Molte persone non accettano questo nuovo aspetto fisico e ne fanno una tragedia ma, negli anni le ricerche sono andate avanti, compiendo veri e propri miracoli, per sconfiggere definitivamente la calvizie e grazie alla scoperta della tricopigmentazione, il problema calvizie non è più preoccupante come negli anni passati.

Spiegazione tecnica della tricopigmentazione e il suo utilizzo nel campo dell’estetica


L’estetica quindi negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, fino a giungere alla sperimentazione e attuazione della tricopigmentazione. Questa tecnica nasce nel lontano 1998 e fu registrata nel 2007 presso la Camera di Commercio di Chieti, in Abruzzo.

Con la tricopigmentazione, viene inoculata una piccola quantità di pigmenti nello strato superficiale del derma del cuoio capelluto, infatti, questo piccolissimo deposito che viene effettuato, permette di alterare l’aspetto estetico della testa e quindi dei capelli, per dare quella sensazione di ricrescita del pelo. Dopo anni di dibattiti, la tricopigmentazione ha superato le perplessità che suscitava in principio, e oggi viene applicata con successo in moltissimi centri estetici professionali, dove la competenza di chi la pratica sarà di fondamentale importanza.

Quello che c’è da chiarire sulla tecnica è comprendere che la fattibilità è possibile grazie a più sedute a distanza di mesi e quindi, con una sola seduta non si otterrà mai l’effetto desiderato.


Ci sono tre diversi campi di applicazione della tecnica della tricopigmentazione e sono:

• Trattamento effetto rasato
• Trattamento effetto densità
• Trattamento copertura cicatrici


Tutti e tre i campi applicativi richiedono varie sedute e obiettivi diversi, nel primo trattamento il paziente dopo aver subito l’inoculazione dei pigmenti avrà il risultato di una testa appena rasata ma non completamente, per dare quel senso di taglio “effetto militare”, nel secondo trattamento il paziente avrà un risultato di capigliatura più densa, più corposa, facendo apparire i pochi capelli presenti più folti, nel terzo e ultimo trattamento invece, il paziente andrà a coprire tutte quelle cicatrici subite per un trapianto di capelli o a causa di interventi chirurgici, sminuendo qualsiasi traccia di cicatrice e facendo apparire il cuoio capelluto, omogeneo e compatto. Possiamo consigliarvi di leggere anche un nostro articolo che fornisce alcuni consigli su come prevenire la perdita di capelli.


Conclusioni

Come si è potuto constatare la tecnica della tricopigmentazione, si prefigge l’obiettivo di aiutare chi ha seri problemi di calvizie, grazie all’inserimento di particolari pigmenti che avranno il compito di aiutare esteriormente il cuoio capelluto e ad apparire con più capelli, come se nulla fosse mai accaduto. Per applicare la tricopigmentazione è importante scegliere il giusto centro estetico e il giusto professionista che sappia manovrare alla perfezione tutti gli strumenti, utili per effettuare la tricopigmentazione sulla testa di qualsiasi paziente.

La tricopigmentazione a differenza di quello che si può pensare, non è dolorosa anzi, al contrario sortisce un effetto massaggiante, arrecando una sensazione di relax. Un altro vantaggio, per chi deciderà di farsi attuare la tecnica della tricopigmentazione è rappresentato, da un maggior afflusso sanguigno nel cuoio capelluto, portando un maggior nutrimento e ossigenazione ai capelli che già ci sono. Quindi, valutando la tecnica nel suo complesso, i giudizi sono alquanto positivi ma, la realizzazione del progetto su ogni paziente rimane rigorosamente soggettiva.

Negli ultimi anni i centri estetici che offrono questo particolare servizio ai clienti, sono proliferati in modo esponenziale, in molte città italiane. Un esempio da cui abbiamo raccolto informazioni è : https://www.tonibelfatto.it/tricopigmentazione . Anche le informazioni sulla tecnica della tricopigmentazione oggi sono molto più aggiornate, grazie soprattutto al web e le persone che soffrono di calvizie, stanno indirizzando il loro pensiero in modo più massiccio, verso la sperimentazione sulla propria testa della tecnica della tricopigmentazione.

I costi per usufruire di questa tecnica non sono alla portata di tutte le tasche ma, non sono nemmeno eccessivi, infatti, il prezzo varia in base al tipo di trattamento richiesto e oscilla attorno i 1000 e i 2000 euro compreso di tutte le sedute. È una decisione da ponderare e valutare per bene, prima di decidere di risolvere il problema della calvizie con la tecnica della tricopigmentazione.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.