Come fare se ti punge una tracina o pesce ragno

Il pesce ragno o pesce trancina, appartenente alla famiglia delle Trachinidae, è un pesce che vive in tutto il Mediterraneo;

Oltre al Mar Mediterraneo è presente nel Mar Nero, nelle acque atlantiche europee, alle Canarie nella zona sud, lungo l’Africa occidentale e nelle acque cilene. Il suo habitat sono i fondali sabbiosi e fangosi e solitamente nuota fino a 30 metri di profondità. Il pesce ha sulla schiena delle spine dorsali (può averne da 5 a 7), queste spine trasmettono una sostanza velenosa.

pesce ragno nascosto nella sabbia

Le spine servono sia in caso il pesce debba difendersi perché qualcuno si avvicina sia durante la caccia.

Quali sono i sintomi dopo una puntura di pesce ragno

Il contatto con questo pesce avviene per motivi per lo più per accidentali, il pesce non attacca l’uomo.

Purtroppo succede che una volta calpestata, ad esempio, la tracina inietta  nella zona colpita il veleno dai suoi aculei e in particolare delle molecole proteiche, (una di queste è la dracotossina) queste molecole sono le responsabili del dolore lancinante.

Si possono aggiungere al dolore anche altri sintomi come:

  • nausea;
  • vomito;
  • tremori e sincope.

Nel caso l’individuo sia disidratato l’individuo manifesta in modo maggiore e con più probabilità questi sintomi.

il pericolo si trova nascosto nella sabbia, vicino alla tana(solitamente vicino a scogli) se nella zona è risaputa la presenza del pesce ragno si consiglia di indossare le scarpine da scogli.

Cosa fare subito dopo la puntura del pesce ragno o trincia?

Subito dopo aver calpestato il pesce ragno, la prima cosa da fare (naturalmente se avete sentito la puntura) è far fuoriuscire il veleno.

Per far uscire il veleno iniettato dalla trincia è fondamentale premere delicatamente la zona prima di procedere verificare che non vi siano aculei conficcati nel piede, questi aculei possono provocare infezioni.

Gli aculei devono essere tolti prima di premere la pianta del piede e prima di poggiare su di essa il peso, sia per le infezioni, sia per evitare che gli aculei oltrepassino la sottocute. Se l’aculeo si vede ma è già troppo conficcato, vi consigliamo di andare dal medico dei turisti o in alternativa se non avete altre possibilità al pronto soccorso.

Rimanere all’ombra e a riposo, idratandosi bene, l’idratazione del corpo è meglio farla con acqua tiepida o almeno a temperatura ambiente, raccomandiamo di bere l’acqua a piccoli sorsi.

Immergere poi la zona colpita dagli aculei del pesce ragno, in una bacinella di acqua calda.

Il vantaggio di questa operazione è che la tossina presente nel veleno del pesce ragno è termolabile, la temperatura in cui reagisce è attorno ai 50°, quindi un bagno con acqua molto calda.

ATTENZIONE se si manifestano già nausea e altri sintomi sopra descritti è inutile immergere in acqua la parte colpita, in quanto la tossina ormai è in tutto il corpo.

Immergere l’intero corpo a quelle temperature è troppo rischioso si potrebbe avere il rischio di ipertermia.

Evitare assolutamente tutti i rimedi “inventati” trovati sulla rete, come urina, sigarette ecc..

Per aiutarci a sentire meno dolore e combattere un eventuale infezione si possono usare per via orale: antinfiammatori, e spalmare una pomata antiinfiammatoria a base di cortisone.

Il tetano può essere un rischio in quanto la ferita sul piede può essere un veicolo a questa infezione, per sicurezza verificare la profilassi del tetano.

Nel caso in cui lo shock derivante dalla puntura porti subito a sintomi forti come apnea, un arrossamento generale, e una ostruzione delle vie aeree è consigliabile contattare subito il 112 in quanto potrebbe esserci il rischio di shock anafilattico (questo shock può essere dato anche da una puntura di vespa o ape).

Se siamo sicuri che il soggetto può essere a rischio di shock anafilattico ed è in possesso di una dose di adrenalina è il caso di effettuare una puntura intramuscolare nel caso i sintomi si aggravino in modo veloce.

Gli stessi sintomi si dovessero presentare anche a distanza di ore dalla puntura, è il caso di consultare immediatamente il 112, ne caso vi sia ostruzioni di vie aeree l’attenzione deve essere massima.

Consigli per prevenire la puntura del pesce ragno

Il pesce ragno solitamente si nasconde nelle tane, vicino a rocce o scogli, quindi in questi casi se si sa che è presente nella zona di balneazione questi il pesce ragno vi consigliamo di utilizzare le scarpette per nuotare o camminare sugli scogli.

Come è fatto il pesce ragno

Le tracine presentano un corpo cilindrico ma appiattito sul ventre (sono pesci che vivono principalmente sul fondo), con testa arrotondata, bocca molto grande rivolta verso l’alto e occhi posti molto in alto sulla testa. Oltre alle spine con aculei sulla schiena altre spine velenifere sono poste sull’opercolobranchiale. La pinna anale è opposta e simmetrica alla dorsale. La pinna caudale è a delta. La livrea è variabile da specie a specie, anche se tutte presentano un ventre giallo-bianco, mentre il resto del corpo ha un colore di fondo bianco, giallo o beige marezzato di bruno o di nero.

Fonte foto e descrizione animale Wikipedia

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

12 pensieri riguardo “Come fare se ti punge una tracina o pesce ragno

  • 7 Ottobre 2010 in 11:26
    Permalink

    dopo 60 anni di spiaggia in varie parti d’Italia e non solo sono stata punta il 20 giugno da una tracina veramente molto dolorosa benedetta sia l’acqua calda e la giusta assistenza di un competente bagnino spero di non ripetere l’esperienza le meduse sono molto meno dolorose

    Rispondi
  • 7 Ottobre 2014 in 11:26
    Permalink

    Per la puntura della tracina e’ giustissimo usare tanta acqua calda e prendere antidolorifici. L’acqua, piu’ calda e’ meglio e’.
    Anna, l’unica cosa che puo’ avere punto tuo figlio sono proprio meduse, appunto per via delle striature lungo la gamba e anche le bolle d’acqua..

    Rispondi
  • 7 Ottobre 2018 in 11:26
    Permalink

    ciao,mio figlio è stato punto(a detta del bagnino)da un pesce ragno,sulla coscia quasi vicino all’inguine e sul polso,ma da persona inesperta ho avuto dei dubbi……..visto che c’erano delle striature lunghe e un esteso gonfiore che oltre alla ferita arrivava fino al ginocchio,dopo due giorni si sono formate delle bolle d’acqua,nn c’erano meduse e visto che il pesce ragno punge sotto ai piedi di solito,cosa potrebbe averlo “PUNTO”?grazie

    Rispondi
  • 17 Agosto 2019 in 11:25
    Permalink

    Che bel ferragosto!!! Stavo a Metaponto appena arrivato mi sono fatto il bagno mentre nuotavo sott’acqua a circa mt.1,70 mi ha punto una tracina nel labbro(come ha fatto non lo so’)sono stato malissimo con faccia gonfia occhi chiusi e rosso fuoco e bruciore alla fronte… Poi alla guardia medica. Pillola al cortisone e impacchi di acqua bollente, perfortuna dopo 3ore ho iniziato a stare meglio…. seguite il consiglio dell’acqua bollente..

    Rispondi
  • 18 Agosto 2019 in 11:25
    Permalink

    salve,io il 15 agosto sono andata alle castella e mi hanno punto dei pesci sinceramente dolori nn ne ho avuti xò erano fastidiosi mi pungevano sempre, erano tracine?io nn sapevo k i pesci pungono le persone.

    Rispondi
  • 13 Settembre 2019 in 18:35
    Permalink

    Il commento è in relazione alla TRACINA: Personalmente, da ragazzo, non una sola volta sono stato punto. Il rimedio che andava per la maggiore era l’applicazione di AMMONIACA (ovviamente liquida). Quando non se disponeva (ed era il caso generale, poiché i lidi non erano attrezzati di cassette di pronto soccorso), ci si procurava un pezzo di canna (nei pressi del mare non era impossibile trovarne), si batteva con essa intorno alla parte, si cercava di far fuoriuscire il sangue, premendo come giustamente è detto di sopra, ed eventualmente si succhiava con sputo successivo. Mai avuto nausea, né altri sintomi di malessere. Son passati oltre settant’anni da quegli eventi e son qui vivo e vegeto ad 81.

    Rispondi
    • 6 Novembre 2019 in 11:03
      Permalink

      è una cagata! Se ti pisci sulla mano la infetti. Devi usare l’acqua calda e pomate a base di cortisone. Non sparare cavolate che sti plebei ti ascoltano pure

      Rispondi
  • 7 Ottobre 2019 in 11:23
    Permalink

    mi ha punto una tracina sono andato al pronto soccorso e mi anno fatto un antidolorifico ma io ho letto su internet che si deve anche un’antitetanica serve o no??
    visto che in due punti di soccorso non mi hanno detto niente
    grazie

    Rispondi
  • 7 Ottobre 2019 in 11:23
    Permalink

    segue puntura tracina faccio degli impacchi acqua calda e amuchina questo mi anno deto i dottori del ps

    Rispondi
  • 7 Ottobre 2019 in 11:24
    Permalink

    a me mi ha detto il dottore di fare la pipi sulla parte dove mi ha punto il pesce ragno

    Rispondi
  • 7 Ottobre 2019 in 11:24
    Permalink

    Io da buone pescatore, ho perso sensibilita con le punture di tracina

    Rispondi
  • 7 Ottobre 2019 in 11:24
    Permalink

    anche a me nel mare mi ha punto una tracina alll inproviso sotto la pianta del piede a pontecagnano faino e sono andato all ps e mi hanno fatto un lavaggio…poi u n prelievo di sangue…e ho anche vomitato nella makkina mentre mi portavano alll ospedale !!!! da adesso in poi mi metto le scarpe di plastica chiuse quando vado al mare !!!!!!!!!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.