Il potenziale business delle vendite Instagram

Instagram è uno dei colossi di internet, laddove nascono fenomeni social e importanti opportunità di business. Da qualche tempo la piattaforma ha anche deciso di ufficializzare l’apertura degli shop, così che i negozi possano avere un’ulteriore via di commerciare i propri prodotti.

Perché utilizzare Instagram per vendere è la scelta giusta?

Instagram È una realtà consolidata e non sorprende che moltissimi venditori abbiano deciso di canalizzare il proprio mercato su questa piattaforma con lo scopo di utilizzarla come vetrina o come shop online. Bisogna precisare che Instagram non è nato come e-commerce ma si sta indirizzando in tal senso e sta aggiungendo degli strumenti davvero interessanti per tutti coloro che hanno deciso di vendere prodotti sul portale tramite un account. In poche parole, il funzionamento è molto semplice: i commercianti, gli artisti, le aziende e gli stessi influencer possono utilizzare la piattaforma come vetrine o come catalogo indirizzando quindi i follower alla ricerca di acquisti. Per poter usufruire di questo servizio bisognerà attivare il profilo aziendale social e seguire dei passaggi ben precisi.

Una volta ottemperati i requisiti sarà possibile aprire il proprio negozio Instagram; la candidatura deve essere effettuata selezionando “Shopping”, seguire tutti gli step per essere abilitati e aspettare che un team del social approvi la domanda. L’obiettivo è quello di permettere al venditore di usufruire di tutti i dati statistici, capire quali post funzionano, ottenere i dati delle stories e di tutti i prodotti che fanno parte del catalogo. Il desiderio è far sì che Instagram divenga un vero e proprio competitor di wish, Etsy e tutte quelle piattaforme di e-commerce simili.

Ma come funziona la vendita su Instagram sia da privato che da azienda? Come ogni progetto di marketing è necessario fare un business plan e capire come sfruttare al meglio questa vetrina web. Instagram è uno dei social network più popolari in quanto le persone sono smaniose di mostrare i propri interessi, le proprie passioni, ma non solo! Il fatto che la piattaforma sia stata il palcoscenico di debutto di tutti gli influencer è segno che la platea di utenti iscritti sia soprattutto alla ricerca di stili di vita da imitare, prodotti ottimali da comprare, ispirazioni per il proprio quotidiano.

Ed ecco quindi che il tutto diviene un collegamento: le aziende si offrono per pubblicizzare i propri prodotti, gli influencer li mostrano alla propria fetta di followers e questi ultimi diventano tanti piccoli acquirenti. È naturale quindi che un negozio non debba sottovalutare questo grande strumento e utilizzarlo come vetrina supplementare per il proprio catalogo. Una ricerca interessante di Hootsuite rivela come il 75% dei followers compra un prodotto dopo averlo visto pubblicizzato da qualcuno su Instagram. Se a questo uniamo il fatto che lo smartphone è diventato il primo strumento a essere utilizzato per lo shopping online è naturale che le vie di ottimizzazione e promozione dei propri prodotti diventino infinite.

Come vendere in maniera ottimale?

Per vendere su Instagram è necessario avere uno shop on-line su Etsy o sul Marketplace di Facebook, non è obbligatorio avere una partita IVA se le entrate annuali sono inferiori a €5000. Potrebbe quindi essere un trampolino di lancio per nuovi venditori o per tutti coloro che decidono di farne un lavoro occasionale o in maniera temporanea. Essere una vera e propria azienda attiva nel settore rappresenta però un vantaggio in quanto i clienti sono molto attenti alla reputazione del brand e alla sua esperienza per cui è bene cominciare sempre con il piede giusto e puntare fin da subito alla promozione e alla fidelizzazione del pubblico.

La vendita, una volta convalidato il profilo aziendale, funziona in questo modo: potranno essere inseriti fino a 5 tag per ogni fotografia, anche su quelle precedenti l’attivazione, i video non possono essere taggati e prima di poter fare dei post con i prodotti nel feed sarà necessario pubblicare 9 post generalizzati. Ovviamente il pubblico di Instagram è molto attento alle belle foto e alle sponsorizzazioni gradevoli perciò è necessario curare il proprio profilo e cercare di pubblicare solo foto di alta qualità in modo da dare un’impressione professionale e curata. Il profilo deve essere visto come un biglietto da visita, un fattore che spiega cosa vende il negozio ma anche l’anima del proprietario stesso perciò è sufficiente puntare su uno stile ben definito.

A tal proposito. esistono tantissimi siti e grafici che aiutano le aziende in tal senso: l’ottimizzazione del feed è uno dei punti salienti di chiunque voglia diventare qualcuno su Instagram. Un modo per renderti conto di come figura il tuo profilo Instagram è quello di dare una rapida occhiata alla tuo profilo, fare uno screen e capire se le foto hanno una coerenza oppure siano delle immagini buttate lì a caso che danno un quadro molto confusionario nel loro insieme.

Oltre alle immagini, è molto importante scrivere delle belle didascalie per corredare una foto in quanto servirà a coinvolgere gli utenti e a spingerli nuovamente sulla tua pagina. anche solo per leggere ciò che scrivi. In ultima istanza è fondamentale sponsorizzare i prodotti quindi è necessario avere un piccolo budget da investire in modo da crescere in breve tempo e raggiungere una vasta platea di utenti. Per fare ciò è possibile utilizzare le sponsorizzazioni Instagram che consistono nel pubblicizzare un prodotto o una pagina a un target da te definito durante l’acquisto (può essere in base alla tua area di riferimento o a un range di età, ad esempio) oppure potresti utilizzare gli influencer o i micro influencer per pubblicizzare il tuo prodotto nelle storie e poter quindi attirare i follower delle suddette.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.