Come posizionare un sito web

Rendere visibile il proprio sito web al pubblico è fondamentale per avere un business online florido, creando brand awareness, nuovi lead e, ovviamente, transazioni. La principale vetrina del web è rappresentata dai motori di ricerca (Google, Bing, ecc…), dove quasi la totalità dell’utenza naviga per informarsi e acquistare una moltitudine di beni e servizi.

Ma come si fa ad essere in cima alle ricerche di Google? E sì, avete capito bene: in cima, perché essere nella seconda pagina dei risultati equivale ad essere invisibili. Si deve puntare al top per raggiungere l’utenza, in un mondo in cui la concorrenza è sempre presente e pressante, più che nei modelli di business tradizionali.

La risposta è piuttosto scontata: ci vuole una ottima strategia di marketing, in questo caso si parla di SEM (Search Engine Marketing). Il SEM si divide in due grandi macroaree, che è possibile sfruttare per raggiungere la cima della SERP (la pagina dei risultati di un motore).

La prima è la SEA (Search Engine Advertising), cioè l’acquisto di spazi pubblicitari, scelti seguendo una logica atta a raggiungere lead qualificati, sulle pagine del motore. Tali spazi figurano in cima alla SERP e sono acquistati tramite un sistema d’asta: il prezzo dipende dalla presenza di concorrenti e da quanto questi siano disposti a spendere per apparire in tali risultati.

La SEO (Search Engine Optimization), quella di cui parleremo in questo articolo, prevede di apparire nei primi risultati organici, cioè quelli che Google reputa più pertinenti per rispondere all’interrogazione effettuata dall’utente (ciò che esso ha scritto nella barra di ricerca). Nella SEO, a differenza che nella SEA, vige un sistema “meritocratico”: Google assegna le posizioni nelle SERP in base a una serie di fattori, più o meno noti al pubblico, tra cui la qualità dei contenuti, l’esperienza utente sul sito ecc…

Vediamo nel dettaglio come funziona questa complessa disciplina.

Aumentare la visibilità di un sito su Google grazie alla SEO

La prima cosa da fare è sicuramente pensare alla situazione attuale e a dove si vuole arrivare. Per essere nei primi risultati di Google si deve avere un sito facile da navigare, con contenuti pensati appositamente per posizionarsi nelle giuste SERP e possibilmente una buona reputazione su piattaforme terze; analizziamo tutte le pratiche fondamentali di una buona strategia SEO.

Pianificazione ed analisi della concorrenza

Prima di tutto dobbiamo verificare quali siano le keyword più utili per il nostro business (parole che l’utenza cerca, riguardanti il nostro servizio) e la presenza dei concorrenti su di esse. Analizzando, anche grazie a strumenti appositi, le varie opportunità disponibili dovremo selezionare le parole chiave più utili per la nostra situazione attuale. Se il nostro portale ad esempio fornisce servizi solo a livello locale, sarà inutile posizionarsi su ricerche dal respiro nazionale, dove oltretutto saranno presenti grandi concorrenti con cui sarebbe controproducente scontrarsi. Il comportamento di utenti e concorrenza quindi determinerà il nostro pool di keyword su cui andremo a definire i contenuti della piattaforma.

Lato tecnico: funzionamento e struttura del sito

Un altro aspetto fondamentale riguarda le prestazioni del sito. Secondo le guideline di Google le piattaforme devono rispettare diversi canoni tecnici. Prima di tutto devono avere una mappatura semplice, facile da navigare ed intuitiva. Per garantire una ottima user experience si dovrebbe poter raggiungere qualsiasi pagina interna con massimo tre click. Oltre a ciò la piattaforma deve essere veloce nei caricamenti e fruibile da ogni device.

Passando ai contenuti, questi dovranno essere scritti in base alla ricerca di keyword fatta in precedenza. È utile pensare anche ad un PED (piano editoriale)  sempre basato sulla ricerca, da pubblicare sul blog interno, con articoli scritti da chi è specializzato in materia (SEO copywriter). Dal punto di vista tecnico sarà necessario ottimizzare i meta tags e gli headings HTML, le immagini dovranno essere leggere per facilitare i caricamenti e provviste di un alt text significativo. 

PR e SEO-Offsite

Per essere nei primi risultati di Google è necessario avere un’ottima reputazione anche su piattaforme terze, ciò che scrivono di noi blog e social può influenzare, più o meno in modo diretto, il nostro ranking. Uno dei modi migliori per guadagnare punti è avere una rete di backlink (link che puntano alla nostra piattaforma) di qualità. Più saranno autorevoli e correlati al nostro business i link off-site che portano al nostro sito, più quest’ultimo otterrà trust. Ciò si dovrà tradurre in un ottima strategia di PR, per far sì di essere presenti sulle testate giuste: Google apprezza solo contenuti naturali, di valore per l’utenza; testi troppo commerciali su piattaforme di basso rango che vendono i propri spazi al migliore offerente non faranno altro che danneggiare il proprio sito agli occhi dei motori.

Quanto costa un servizio SEO?

Da tutto ciò che è stato detto fino ad ora, si può evincere che posizionare il proprio sito sui motori di ricerca sia tutt’altro che un’impresa semplice e veloce. È necessario essere in possesso di conoscenze specifiche e di natura tecnica per riuscire anche solo ad avere un quadro completo della situazione e pensare alle mosse necessarie per portare a casa un risultato soddisfacente.

Per questo SEO Business collabora con le aziende che vogliono approdare online e migliorare la propria presenza sul web, fornendo un team di professionisti con il giusto know-how sviluppato grazie a centinaia di progetti riguardanti differenti settori commerciali.

È un’agenzia specializzata nella SEO che è in grado di apportare miglioramenti concreti agli asset online dei propri clienti, anche partendo da piattaforme con visibilità nulla. Fornisce un ampio spettro di servizi:

  • In base al settore di appartenenza e agli obiettivi da raggiungere crea un piano per posizionare nelle giuste SERP il sito cliente.
  • Realizza piattaforme SEO-ready da zero, o modifica i portali già esistenti per renderli performanti.
  • Gestisce strategie di link building e PR per dare un boost significativo alla visibilità dei prodotti e servizi offerti dal cliente.
  • Pulisce eventuali link creati da siti dannosi o passate pratiche di PR scorrette.

Essendo ogni cliente in una situazione e in un mercato differente, è impossibile per qualsiasi agenzia SEO seria stabilire un prezzo standard per i propri servizi. L’effort e le tempistiche variano in base ad una moltitudine di fattori. Di conseguenza SEO Business offre un preventivo SEO personalizzato. Compilando il modulo sul sito sarà possibile fare chiarezza sul da farsi e sui costi che si dovranno affrontare, senza incomprensioni ed eventuali brutte sorprese.

Affidarsi a SEO Business significa contare su un team serio, che punta ad apportare un concreto miglioramento ai tuoi canali digitali.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.