Come guidare la pit bike?

Hai deciso di lanciarti nel mondo delle pit bike ma non sai da dove cominciare e come guidare la pit bike? Oggi ti spieghiamo come fare.

Innanzitutto, cosa sono le pit bike. Un amante dei motori difficilmente può non conoscerle, ma proviamo a spiegarle ugualmente: si tratta di moto, un po’ particolari e diverse dalle altre, nate per supportare le altre moto nei box e diventate cult ormai da qualche decennio.

Infatti, a differenza delle moto da strada, le pit bike devono il proprio nome al ruolo che svolgevano all’interno del paddock, lavorando come muletti funzionali grazie alla loro velocità e struttura. Dalla Cina il prodotto diventa particolarmente in voga negli Stati Uniti quando si gareggiava nelle cosiddette dirt bike all’interno dei box, creando il mito delle pit bike.

Nel giro di pochi anni, inizio del ventunesimo secondo, la Honda commercializza la prima vera pit bike dedicata al pubblico. Da lì è cominciata una enorme diffusione che ha visto nascere e svilupparsi anche gare specifiche per appassionati di tutto il mondo.

L’Italia non è da meno! Concentriamoci, però, su quelle che sono le differenze principali con le altre moto da strada.

La dimensione è la prima differenza, sono più piccole rispetto alle moto normali. La seconda, più rilevante, è che non possono circolare come tutte le altre su strade pubbliche. Significa che possono correre solamente negli appositi circuiti.

Hai due vantaggi principali: non devi pagare assicurazione e bollo e non è necessario disporre di patente, in quanto non richiesta.

Primo passo, perciò, è acquistarla da un pit bike shop ufficiale e attendibile. Risparmiare su questo prodotto significa spenderci il triplo per manutenzione e ricambi, per cui il prezzo non dovrebbe mai scendere al di sotto dei mille euro.

Secondo passo è prendere consapevolezza che non si tratta di super bike, per cui sono moto estremamente affidabili e sicure; gli incidenti capitano molto di rado e sono di lieve entità. Secondo l’opinione di numerosi esperti – che condividiamo anche noi – guidare una pit bike è l’apripista per avvicinarsi al mondo delle moto su strada con maggiore consapevolezza.

Certo, c’è differenza, ma le dinamiche sono prevalentemente le stesse. Come guidare la pit bike, perciò, è la domanda alla quale risponderemo con tecniche e suggerimenti nel paragrafo successivo; il nostro consiglio, però, rimane di affidarsi a scuole guida specializzate.

Gli esercizi per guidare la pit bike

Come guidare la pit bike? L’obiettivo è definire un metodo base che consenta di avere stabilità sulla vettura. Il primo esercizio, pertanto, sarà sempre di corretta postura.

Dalla parte bassa del corpo (pressione dei piedi, gambe e bacino) alla parte alta del corpo (spalle, comportamento delle braccia e spostamenti della testa per la visuale), il primo step è totalmente rivolto alla postura per preservare dagli infortuni e affaticamenti, contribuendo a costruire l’equilibrio del conducente.

Può sembrare banale, ma probabilmente questa fase iniziale è la più complessa e spesso la più duratura. Talvolta richiede qualche mese di pratica per essere affinata correttamente.

Dalla postura, poi, ci si proietta agli esercizi di tenuta su pista. I principali sono 4: Stop & Go (partenza e gestione della pit bike), Slalom (tra cunei stradali), L’Otto (tenuta nelle curve) ed il Doppio Slalom (tutte le situazioni congiunte tra loro).

Si affrontano, fondamentalmente, tutte le principali situazioni di base che la corsa su pista presenta, consentendo così di sviluppare una tenuta sufficientemente equilibrata su cui ricamare poi il proprio personale stile.

Ci sentiamo di aggiungere come importanti siano l’umiltà e la passione: nessuno nasce campione, ma lo si può diventare con il giusto approccio e impegno.

L’aspetto, secondo noi, più interessante del sapere come guidare un pit bike è che i benefici si constatano direttamente su strada e nella gestione anche delle altre tipologie di moto.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.