Come curare le piante grasse

Le piante grasse sono l’ideale per i pollici verdi un po’ pigri, visto che non richiedono molte cure, ma regalano allo stesso tempo subito un’atmosfera più naturale e verde in casa o sul balcone.  Anche le piante grasse però hanno bisogno di attenzione, di tanto in tanto, soprattutto in vista della primavera. Ecco qualche consiglio su come farle crescere bene.

OffertaBestseller No. 1
Compo, Concime per Cactus e Piante grasse, Fertilizzante Liquido ad Alto tenore di Potassio, 250 ml, 6.3x7x15.5 cm
222 Recensioni
Compo, Concime per Cactus e Piante grasse, Fertilizzante Liquido ad Alto tenore di Potassio, 250 ml, 6.3x7x15.5 cm
  • Concime specifico per cactacee e piante grasse: fertilizzante liquido minerale speciale con potassio per tutti i cactus e le piante a foglie spesse (piante grasse), con pratico dosatore
  • Crescita ideale: fornitura ottimale di tutti gli elementi nutritivi di cui la pianta ha bisogno fin dalla prima applicazione, rafforzando la resistenza e lo stoccaggio ottimale dell'acqua
  • Facile da usare: dosaggio pulito e sicuro in base ai livelli da i a iii segnati sul coperchio (per 2, 4 e 6 litri di acqua), utilizzare ogni 3 settimane (marzo - ottobre)
  • Qualità compo: materie prime selezionate secondo la ricetta compo originale, severi controlli di qualità da parte dei nostri laboratori e istituti indipendenti, i migliori requisiti per una crescita sana delle piante
  • Contenuto della confezione: 1 fertilizzante compo per cactus e piante grasse, fertilizzante liquido speciale, 250 ml, articolo n.1406402005
OffertaBestseller No. 2
GESAL Concime per Piante Grasse, 500 ml, 22.5x7.9x5 cm
98 Recensioni
GESAL Concime per Piante Grasse, 500 ml, 22.5x7.9x5 cm
  • Soluzione di concime npk 5-5-7
  • Con microelementi
  • Colore verde

Istruzioni per curare le piante grasse

  • Si sa che le piante grasse richiedono poca acqua e molta luce, visto che sono originarie del deserto.
  • Questo tipo di piante tollera bene poiche annaffiature o clima particolarmente arido. Però, hanno molta difficoltà in caso di scarsa illuminazione e basse temperature. Il minimo vitale per una pianta grassa è 5 gradi.
  • Per ovvie ragioni, presentano invece molte difficoltà in situazioni di scarsa illuminazione e alle basse temperature (il minimo vitale è generalmente di 5° C ).
  • Per un corretto “piano di irrigazione” di una pianta grassa, tenete a mente da dove deriva. Le piante grasse vengono infatti da territori dove a un periodo di piogge si alterna un lungo periodo di siccità. E in appartamento dovrete quindi “reinterpretare” questo fenomeno climatico. In inverno quindi le annaffiature dovranno essere poco abbondanti mentre in estate più frequenti.
  • Attenzione: alcune specie come le caudiciformi vanno “in vacanza” in estate, nel senso che riposano. Dovrete quindi annaffiarle poco in estate e con maggior frequenza in inverno.
  • Per l’acqua, come abbiamo già sottolineato nei punti precedenti,  l’ideale è bagnare una volta la settimana d’estate, anche due se fa molto caldo, mentre in condizioni climatiche normali si può aspettare anche un mese. In realtà dipende anche da quanta terra c’è nel vaso: se è molto piccolo, si può innaffiare anche ogni due settimane. E poca acqua basta.
  • Per la luce, basta posizionarle in un punto luminoso della casa, meglio se non è un ambiente troppo chiuso, in modo tale che l’aria circoli e non ristagni.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.