Come fare i panzerotti

Piatto particolarmente amato e conosciuto all’interno della cucina pugliese, i panzerotti sono conosciuti anche con il nome di calzoni e diffusi praticamente in tutta Italia. Presenti all’interno della cucina napoletana e in quella siciliana, i panzerotti possono essere realizzati attraverso modalità differenti, ingredienti diversi e metodi di preparazione che dipendono effettivamente da quale sia la scuola culinaria su cui si basano. In ogni caso, comunque, si tratta di un piatto particolarmente gustoso e su cui molte persone organizzano non soltanto antipasti ambiti, ma talvolta anche cene o cibo per feste e ritrovi particolari. Insomma, un piatto certamente non banale, che richiede un metodo di preparazione che deve essere quanto più possibile accurato e che si basa, infine, su ingredienti particolarmente economici e semplici da reperire: ecco tutto ciò che c’è da sapere per capire come fare i panzerotti

Ingredienti per fare i panzerotti nel migliore dei modi

Ovviamente, non esiste ricetta che prescinda dalla considerazione degli ingredienti che devono essere utilizzati: come detto in precedenza, i panzerotti o calzoni derivano effettivamente dalla scuola di cucina che li alimenta e, per questo motivo, possono essere realizzati con ingredienti diversi o con metodi di preparazione che differiscono rispetto alla ricetta originaria. Guardando alla ricetta pugliese originaria, comunque, gli ingredienti per fare i panzerotti nel migliore dei modi sono i seguenti:

  • Farina 00 250 g
  • Farina Manitoba 250 g
  • Acqua tiepida 285 g
  • Olio extravergine d’oliva 8 g
  • Lievito di birra fresco 8,5 g
  • Zucchero 5 g
  • Sale fino 10 g

PER IL RIPIENO

  • Fiordilatte 250 g
  • Passata di pomodoro 200 g
  • Sale fino q.b.
  • Origano q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

PER FRIGGERE

  • Olio di semi q.b.

Come preparare i panzerotti

A questo punto, risulta essere fondamentale considerare il metodo di preparazione che porta a ottenere i propri panzerotti. Non si tratta di un processo semplicissimo, dal momento che richiede una serie di passaggi che vanno seguiti perfettamente che portano la propria realizzazione ad essere ideale. Per questo motivo, senza indugi, si può considerare la preparazione in ognuno dei suoi passaggi; in prima battuta, bisognerà versare in una ciotola farina 00 e manitoba, oltre che lievito di birra fresco e zucchero. Dopo aver sbriciolato per bene il tutto, bisognerà aggiungere acqua e iniziare a lavorare inserendo man mano il sale, acqua e olio. A questo punto, bisognerà iniziare a lavorare con le mani, per poi trasferire l’impasto lavorato su un ripiano e, dopo che si sarà asciugato, formare un salsicciotto da dividere in 10 pezzi. 

Per formare le caratteristiche palline dei panzerotti bisognerà trasferire il proprio impasto su un piano di lavoro, portando i lati della pasta verso il centro, schiacchiando con il palmo della mano la propria pasta ed effettuando un piccolo movimento rotatorio. Dopo aver sistemato le proprie palline su un vassoio, tenendole opportunamente distanziate, bisognerà farle lievitare per circa un’ora e mezza, affinché raddoppino il proprio volume. Intanto, si potrà iniziare a lavorare agli ingredienti da inserire nei propri panzerotti: dopo aver tagliato il proprio fiordilatte a dadini, basterà farlo scolare per non rendere il piatto troppo liquido; in un pentolino a parte si dovrà far scaldare olio e passata di pomodoro, aggiungendo il sale e attendendo 15 minuti: al termine della cottura un po’ di origano servirà a insaporire il proprio piatto. 
A questo punto, le proprie palline ormai lievitate potranno essere stese (aiutandosi con un mattarello) e lavorate con passata di pomodoro e mozzarella. Dopo aver chiuso il proprio calzone come una mezzaluna, il bordo potrà essere rifilato con una rotella o un coltello. Non basterà altro che friggere i propri panzerotti immergendoli a olio portato a 170°, per poi girarli tornando in superficie.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.