Come combattere l’alitosi

Quella dell’alitosi è probabilmente una delle più imbarazzanti e fastidiose patologie orali che può avere diversi conseguenze negative anche a livello psicologico.

Nonostante infatti non provochi deformità corporee evidenti, la sgradevolezza del fenomeno risulta intollerabile per chi ne è affetto e per chi gli è accanto.

Ecco perché diventa difficile ed estremamente imbarazzante avere degli scambi di tipo relazionale, dal momento che il respiro maleodorante è percettibile anche durante la fonazione.

Le cause dell’alito cattivo possono essere molte, anche se recenti studi hanno dimostrato che il 90% delle persone che soffrono di questo disturbo in effetti hanno una predisposizione alla proliferazione sulla lingua di particolari batteri, non presenti sulla lingua delle altre persone che non soffrono di alitosi.

Le cause dell’alitosi possono essere molte, ma nella maggior parte dei casi sono legate a problemi del cavo orale. La sua gravità varia dalle forme temporanee alle forme persistenti con cui si rivela.

Infatti casi di alitosi possono originarsi dalla presenza di carie, di protesi realizzate in modi errati, di scarsa igiene orale, di parodontopatie infiammatorie, di patina bianca sulla lingua ed altro ancora. Nel caso di comparsa di alitosi è dunque bene recarsi subito da un Odontoiatra per una visita di controllo che possa identificarne la causa esatta. La pulizia delle gengive e delle tasche parodontali deve essere effettuata da uno specialista, e non rientra nelle normali operazioni di igiene orale con spazzolino, filo interdentale e colluttorio.

Le cause più diffuse dell’alitosi sono:

  • Cattiva igiene orale
  • Gengiviti
  • Carie
  • Flora batterica della lingua
  • Disturbi gastrointestinali
  • Disturbi respiratori
  • Fumo di tabacco
  • Uso eccessivo di alcool
  • L’uso frequente di aglio e cipolla
  • Un’alimentazione ricca di zuccheri raffinati e povera di sali minerali, sopratutto di zinco
  • Insufficienza renale e il diabete

Molte persone per mascherare l’alito pesante, masticare sostanze a base di menta non è sufficente ad eliminare l’alito cattivo.

Il cattivo odore solitamente è causato da batteri che si depositano sulla lingua, per cui masticare chewingum e mentine non basta ma bisogna:

  1. Bere abbondantemente acqua per mantenere idratata e pulita la lingua
  2. Fare uso dei collutori orali
  3. Integrare nell’alimentazione fermenti lattici
  4. Masticare qualche fogliolina di prezzemolo per combattere l’alitosi da aglio o cipolla
  5. Strofinare alcune foglie fresche di salvia sui denti e gengive dopo ogni pasto, meglio se dopo aver lavato i denti.

Per combattere l’alitosi è molto importante l’alimentazione, oltre l’eliminazione del fumo.

Quali sono gli alimenti che aiutano a combattere l’alitosi?

Bisogna assumere con la dieta i seguenti alimenti:
Molte fibre: cereali integrali, verdura, frutta, meglio con la buccia.
Vitamine B1 e B2 : pesce magro, latte, formaggi, legumi, frutta secca
Vitamina C: agrumi, kiwi, fragole, frutti di bosco, peperoni, pomodori e prezzemolo
Betacarotene e vit. A: uova, fegato, carote, zucche, verdure a foglia verde
Calcio: latticini in genere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.