Come usare l’Enterogermina (foglietto illustrativo)

Come usare l’enterogermina – aggiornamento 2019

L’Enterogermina è un farmaco molto comune utilizzato soprattutto, in caso di problemi di tipo intestinale. È possibile comprare l’Enterogermina 2 miliardi in 5 ml di sospensione orale oppure in capsule rigide. E’ inutilizzata soprattutto perché molto spesso si hanno dei problemi intestinali dovuti a difficoltà di vario genere.

Questo preparato è realizzato con una sospensione di spore di bacillus clausii. In pratica riesce a ripristinare la flora microbica intestinale quando vi è un’intossicazione alimentare: può essere davvero utile a ripristinare la normale attività dell’intestino. Generalmente si utilizza l’Enterogermina anche quando ci sono delle turbe gastroenteriche dei lattanti acute o croniche.

Come utilizzare l’Enterogermina

L’Enterogermina va somministrata secondo delle specifiche che solitamente potrebbe anche consigliare il medico. In genere però, secondo il foglietto illustrativo la posologia che riguarda gli adulti è di due o tre flaconcini al giorno oppure il consumo di 2-3 capsule ogni giorno. I bambini invece possono consumare 1-2 capsule al giorno oppure 1-2 flaconcini al giorno. Nel caso dei lattanti invece il consumo massimo è di 1 o due flaconcini al giorno.

Queste dosi indicate non bisogna mai superarle, se non sotto precisa indicazione del medico. Generalmente va assunta per un periodo di trattamento breve, periodo che cambia a seconda delle esigenze.

L’Enterogermina in flaconcini va assunta per uso orale e può essere diluita in acqua oppure presa in maniera diretta. Le capsule invece, possono essere consumate deglutendo con un sorso d’acqua o con un sorso di qualche altra bevanda. In caso di sovradosaggio difficilmente ci sono effetti collaterali però potrebbe andare in contrasto con quello che è l’effetto terapeutico.

Controindicazioni e interazioni dell’Enterogermina

Il farmaco non ha delle grosse controindicazioni a meno che non ci siano dei casi specifici di ipersensibilità al principio attivo o a qualche altro eccipiente che si trova all’interno del medicinale. Generalmente è ben utilizzarlo, facendo attenzione a quelle che sono le indicazioni mediche o del foglio illustrativo anche se ci sono delle interazioni da considerare.

Infatti, assumere Enterogermina durante una terapia di antibiotici può essere consigliato con dei termini diversi, ovvero prevedendo l’utilizzo di questo medicinale nell’intervallo fra una dose di antibiotico e l’altra. Invece, per quanto riguarda le interazioni con altri medicinali, ad oggi non sono conosciuti dei grandi effetti in tal senso.

Piuttosto, è bene sapere che il prodotto deve essere sempre consumato secondo i termini di scadenza. In caso di gravidanza o di allattamento, può essere comunque utilizzata anche se è sempre bene chiedere il consiglio del medico. Stesso discorso anche per chi utilizza veicoli o macchinari, in quanto questo medicinale non altera la capacità di guidare.

Gli effetti benefici dell’ Enterogermina e la sua importanza

Il farmaco è molto importante perché va ripristinare l’equilibrio della flora batterica intestinale. Tale flora è rappresenta da una barriera che è una prima difesa nei confronti dei batteri dannosi che possono creare al nostro corpo infezioni, disordini alimentari, intossicazione di qualche tipo. Quando ci sono squilibri della flora batterica intestinale molto spesso si manifesta uno dei sintomi come dolori addominali, diarrea o aria nell’intestino.

Grazie al suo utilizzo è facile riuscire ad arginare questi fenomeni e allo stesso modo, ottenere subito risultati positivi. Bisogna sospendere l’assunzione di questo medicinale solo quando magari ci sono dei problemi di ipersensibilità oppure quando su consiglio medico è opportuno fermare questo tipo di azione. E’ bene conservarla però sempre ad una temperatura inferiore ai 30 gradi e utilizzare questo prodotto solo se integro e quindi non alterato in alcun modo.

L’Enterogermina è un farmaco a base di spore di Bacillus Cluasii, un batterio riconosciuto come probiotico.

L’Enterogermina si usa:

  • per curare e prevenire le alterazioni delle flora batterica intestinale, la quale svolge un ruolo fondamentale per la salute della nostra persona
  • per riattivare l’equilibrio della flora intestinale messo fuori combattimento da particolari terapie con antibiotici o chemioterapici aiutando, quindi, a risanare la produzione a l’assimilazione delle vitamine.

Note di educazione sanitaria

La flora batterica intestinale costituisce una vera e propria barriera difensiva nei confronti di batteri dannosi. Il suo equilibrio può essere danneggiato da infezioni intestinali, intossicazioni, disordini alimentari, alterazioni della dieta, uso di antibiotici. Questo squilibrio si manifesta con diarrea, dolori addominali, aumento dell’aria nell’intestino.

Consigli utili 10 cose da sapere sull’enterogermina

In commercio è possibile trovare:

  • Enterogermina 2 miliardi 5 ml 20 flaconcini
  • Enterogermina 2 miliardi 5 ml 10 flaconcini
  • Enterogermina 2 miliardi capsule rigide (12 capsule)

1. Quando non deve essere usata l’ Enterogermina

  • In caso di allergia al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti

2. Cosa fare durante la gravidanza e l’allattamento

  • Questo medicinale può essere usato tranquillamente durante la gravidanza e l’allattamento

3.Precauzioni per l’uso

  • Nel corso di una terapia con antibiotici, si consiglia di somministrare Enterogerminanell’intervallofra l’una e l’altra somministrazione di antibiotico.

4.Quali medicinali o alimenti possono modificare l’effetto del medicinale

  • Per il momento non esistono medicinali che possono modificare l’effetto di Enterogermina. Però, se state usando altri medicinali è preferibile consultare il medico o il farmacista

5. Come usare questo medicinale

Quanto

  • Adulti: 2 – 3 flaconcini al giorno o 2 – 3 capsule al giorno
  • Bambini: 1 – 2 flaconcini al giorno o 1 – 2 capsule al giorno
  • Lattanti: 1 – 2 flaconcini al giorno

Attenzione: non superare le dosi indicate senza il consiglio del medico.

Quando e per quanto tempo

  • Assumere Enterogermina a intervalli regolari durante la giornata.
  • Consultare il medico se il disturbo si presenta ripetutamente o se avete notato un qualsiasi cambiamento recente delle sue caratteristiche.

Attenzione: usare solo per brevi periodi di trattamento.

Come

  • Flaconcini: questo medicinale è per esclusivo uso orale. Non iniettare né somministrare in nessun altro modo. Ricordatevi di agitare prima dell’uso. Per aprire il flaconcino ruotare la parte superiore e staccarla. Assumere il contenuto tal quale o diluirlo in acqua o altre bevande (es. latte, the, aranciata). Una volta aperto, assumere il farmaco entro breve tempo per evitare l’inquinamento della sospensione. Se nei flaconcini notate la presenza di piccole particelle, non allarmatevi sono aggregati di spore di Bacillus clausii.
  • Capsule: deglutire le capsule accompagnate da un sorso d’acqua o altre bevande. Specialmente nei bambini più piccoli, in caso di difficoltà a deglutire le capsule rigide, è opportuno impiegare la sospensione orale.

6.Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di medicinale

  • Dosi eccessive di Enterogermina di norma non provocano effetti collaterali. E’ bene comunque attenersi alle dosi consigliate.

7.Cosa fare se avete dimenticato di prendere una o più dosi

  • Non vi sono particolari problemi. E’ bene comunque ricordare che l’assunzione corretta e scrupolosa del medicinale favorisce l’effetto terapeutico.

8. Effetti dovuti alla sospensione del trattamento

  • Non sono segnalati particolari effetti, se non il mancato effetto terapeutico.

9. Effetti indesiderati dell’entrogermina

  • Durante la commercializzazione del prodotto, sono stati riportati casi di reazioni di ipersensibilità, compresi rash e orticaria. Il rispetto delle istruzioni contenute nel foglio illustrativo riduce il rischio di effetti indesiderati. Se uno qualsiasi degli effetti indesiderati si aggrava o se nota la comparsa di un qualsiasi effetto indesiderato non descritto in questo foglio illustrativo, informare il medico.

10. Scadenza e conservazione

  • Conservare a temperatura non superiore a 30° C.
  • Scadenza: vedere sempre la data di scadenza indicata sulla confezione.

Attenzione: non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione. Tale data si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato.

TENERE IL MEDICINALE FUORI DALLA PORTATA E DALLA VISTA DEI BAMBINI

Ricordatevi che:

  • i medicinali non devono essere gettati nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chiedete al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizzate più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.
  • è importante avere sempre a disposizione le informazioni sul medicinale, pertanto conservate sia la scatola che il foglietto illustrativo.

Informazioni tratte dal bugiardino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.