Come usare la pillola anticoncezionale

Come usare la pillola anticoncezionale? L’idea di scrivere questo post nasce dopo aver udito un dialogo fra giovanissime: ho notato che, purtroppo, la pillola viene somministrata con molta facilità senza avere alcuna cognizione.

Le parole pronunciate da quelle “piccole donne”, sinceramente, mi hanno fatto riflettere e subito ho pensato che dovevo fare qualcosa. Una vocina dentro di me mi diceva di introdurmi nei loro discorsi ma non era né il caso né il momento giusto per farlo: con quale diritto avrei potuto agire in quel modo? Non ho voluto essere invadente e, poi, nei panni di James Bond non mi ci vedo affatto: ai loro occhi potevo essere una spia ingaggiata dai loro genitori per controllarli… Però qualcosa dovevo fare… Conoscere e sapere (come) usare la pillola anticoncezionale è importantissimo!

Tornando a casa ho messo in moto tutte le risorse a mia disposizione: pc, internet e tanta voglia di capire per poter informare! Le mie ricerche mi hanno condotto alle interessanti pagine del sito psicolinea.it, capace di fornire le giuste informazioni circa la somministrazione della pillola anticoncezionale

Ecco Come usare (correttamente) la pillola anticoncezionale!

Cosa è?

La pillola è un farmaco composto da due sostanze simili agli ormoni prodotti naturalmente dalla donna (estrogeno e progesterone), che regolano tutta la attività del suo apparato genitale.

Come funziona

La pillola impedisce la maturazione della cellula uovo creando una situazione simile a quella della gravidanza. (Senza una cellula uovo non sono possibili né la fecondazione, né la gravidanza). Inoltre la pillola crea un ispessimento, all’entrata dell’utero, del muco cervicale, per cui gli spermatozoi in ogni caso non risalgono fino alle tube di Falloppio, dove avviene la fecondazione. La maggior parte delle pillole contengono un estrogeno e un progestinico di sintesi: essi sono simili agli ormoni ovarici naturali, l’estradiolo e il progesterone che, per effetto della pillola, vengono ‘addormentati’.

Come si usa?

Ogni confezione contiene 21 pillole: si comincia a prendere la prima pillola dal 1° giorno delle mestruazioni, seguitando senza interruzioni a prenderne una al giorno, circa alla stessa ora, per 21 giorni. Esempio: se le mestruazioni vengono di mercoledì, iniziare con la prima pillola contrassegnata ‘mercoledì’ e poi continuare il giorno dopo con una ‘giovedì’ ecc. Se le pillole sono state assunte correttamente, l’ultima pillola sarà una ‘martedì’. Terminata la confezione si interrompe per sette giorni. Dopo circa tre giorni tornerà il ciclo mestruale (del tutto simile a quello consueto, a volte più scarso e di durata inferiore, generalmente non doloroso). Dopo 7 giorni dalla sospensione, anche se il flusso non è ancora terminato, va iniziata una nuova confezione: è ancora mercoledì! Le pillole dell’ultima generazione garantiscono la sicurezza contraccettiva sin dal primo giorno dell’assunzione. N.B. L’effetto contraccettivo dura anche nei sette giorni di pausa!

Cosa succede se si dimentica di assumerla

Se ci si dimentica di prendere una pillola, occorre prenderne una appena possibile, non superando in ogni caso le 12 ore di ritardo; se si supera questo limite di tempo, si deve continuare ad assumere regolarmente la pillola, tenendo conto che la sicurezza contraccettiva è minore e che occorre quindi abbinarla ad un altro metodo (esempio: preservativo). Se vengono dimenticate tre pillole consecutive occorre sospendere, aspettare 8 giorni e ricominciare con una nuova confezione(sempre usando precauzioni).

Effetti indesiderati

La pillola con basso dosaggio ormonale è in genere ben tollerata. Nei primi mesi di uso della pillola si possono avere leggere nausee, tensione al seno, lieve aumento di peso, leggere perdite di sangue al di fuori delle mestruazioni. Generalmente questi disturbi scompaiono spontaneamente. 

Effetti benefici

La pillola riduce il rischio potenziale di sviluppo di tumore alle ovaie e all’endometrio, previene l’insorgenza di infiammazioni pelviche, ha effetti positivi sull’artrite reumatoide, le mestruazioni dolorose, abbondanti e lunghe. Migliora la pelle. Chi non la deve usare? Prima di iniziare ad usare la pillola bisogna sottoporsi ad una visita medica, che comprende anche l’esame del seno. Esistono, infatti, alcune controindicazioni:

  • disturbi dell’apparato cardiocircolatorio; 
  • malattie del fegato;
  • presenza o sospetto di tumori;
  • perdita di sangue al di fuori delle mestruazioni di natura non accertata.

Per chi, invece, soffre o ha sofferto dei seguenti disturbi: frequenti emicranie, alta pressione arteriosa, vene varicose, asma, epilessia, disturbi psichici rilevanti, diabete, la pillola non è sempre controindicata, ma si deve decidere caso per caso se ne è possibile l’assunzione. È bene eseguire sempre un paptest. Dovrà essere sempre il medico a stabilire se e quali analisi debbano essere fatte prima di iniziare l’uso della pillola e durante il trattamento e quale tipo di pillola utilizzare.

Sicurezza

La pillola è praticamente sicura al 100%; i rari casi di fallimento sono dovuti in genere ad errori nell’uso del contraccettivo.

Controlli

Il primo controllo medico va effettuato dopo i primi tre mesi di trattamento; dovranno essere ripetuti l’esame obiettivo generale, l’esplorazione vaginale e l’esame del seno. In seguito è sufficiente un controllo ogni sei mesi circa.

Ritorno alla fertilità

Il ritorno alla fertilità è rapido: se si desidera avere un figlio si deve sospendere l’assunzione della pillola un mese prima.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 5 / 5. Punteggio articolo: 1

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.