Come usare la link earling per il tuo sito 

Se ti sei reso conto che il tuo sito negli ultimi mesi riceve sempre meno visite e che il posizionamento su Google non eccelle, è ora di correre ai ripari. Ma come fare? La risposta più ovvia è quella di lavorare su una strategia di SEO on ed off page in grado di permetterti di conquistare di nuovo le vette del successo. 

La SEO on page è ovviamente imprescindibile, e questo ogni web master lo sa molto bene. Meno attenzione però si conferisce di solito alla c.d. SEO off page, anche essa assai importante per garantire l’ottimizzazione e il posizionamento del sito sui motori di ricerca. 

I backlink ottenuti in modo naturale oppure tramite l’attività di link building che rimandano al tuo sito, sono una delle questioni che Google tiene molto da conto quando si tratta di indicizzare un sito. Tuttavia non basta che ‘esistano’ semplicemente dei link, ma essi devono essere qualitativamente buoni, presenti su siti autorevoli e coerenti, e soprattutto naturali. La naturalezza di un backlink si ottiene ricorrendo alla link earling, una delle strategie di SEO off page che ogni webmaster di successo dovrebbe sempre conoscere.

Fare un buon uso della link earling significa fare del proprio sito un potenziale successo, perché questa tecnica, anche se richiede pazienza ed abilità, è in grado di regalarvi dei backlink davvero naturali e a costo zero anche per molto, molto tempo. Avere dei link di buona qualità, spontanei e naturali è la chiave del successo per il posizionamento del sito: ma quali sono le strategie per fare link earling per il tuo sito? 

Come creare contenuti per fare link earling

Cominciamo subito con il dire che creare contenuti per fare link earling richiede davvero tanto impegno. Provate a domandarvi: perché mai un sito ad elevato trust dovrebbe spontaneamente scegliere un articolo del vostro blog e linkarlo sulle sue pagine lette da migliaia di persone al giorno? C’è solo una risposta: ciò avviene gratuitamente solo se avete prodotto un post di elevata qualità. Per fare link earling bisogna quindi produrre dei contenuti che siano qualitativamente unici, e non solo: devono anche essere in grado di attirare l’attenzione dei lettori, devono essere popolari, devono essere unici ed uscire fuori dal coro. Ecco qualche spunto che vi può tornare utile per costruire dei post che potranno consentirvi di fare link earling. 

  • Creare post originali, con un punto di vista unico. Avete presente la classica domanda alla quale tutti rispondono nello stesso modo? Provate a costruire un post dove cercate di fare una risposta ragionata e diversa, che sia unica ed originale. In questo modo il vostro punto di vista, se interessante e ben argomentato, potrà diventare un riferimento anche per altre testate. 
  • Create guide e how to unici. Tutti sono in grado di rielaborare uno delle migliaia di articoli che si trovano per il web: voi provate a creare qualcosa di unico e di originale in un contesto dove siete i migliori. In questo modo il vostro post sarà davvero unico e le possibilità di sfruttarlo per il link earling crescono. 
  • Usate temi controversi. Quale miglior modo per fare parlare di voi e creare un post da link earling se non usare un argomento scottante? Di cronaca, di politica, di argomenti culturali e sociali. Insomma, cercate di parlare fuori dal coro. 
  • Create post che siano di media-lunga durata, cioè che possano essere usati e letti e validi anche fra qualche mese o anno.

Questi sono solamente alcuni spunti che potete usare per creare dei post che siano di qualità e che diano un valore aggiunto al lettore. In questo modo potrete garantirvi un miglior successo.

isacco corradi

Isacco Corradi fin dal 2005 si occupa per passione di internet, trasforma questa attività in lavoro nel 2009. Presidente per 10 anni della cooperativa Alpsolution, Sindaco del Comune di Lavarone dal 2015 al 2020, Vicepresidente Fondazione Museo Storico, Consigliere della Magnifica Comunità di Valle, Consigliere della Fondazione Forte Belvedere. Scrive articoli in ottimizzati e per diletto parla di tutto un pò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.