Come richiedere i bonus casa 2022

La nuova Legge di Bilancio ha introdotto diverse misure a agevolazioni, tra cui anche il bonus casa 2022. Prima di richiederlo e scoprire se si è in possesso dei requisiti per il bonus ristrutturazione casa, è necessario conoscere le novità introdotte e quali sono i cambiamenti rispetto all’anno precedente.

Bonus casa 2022: le novità

Tra i bonus casa 2022 rientrano agevolazioni per interventi ad alto efficientamento energetico, finalizzati quindi a realizzare abitazioni green e sostenibili, ma sono previsti anche bonus per la ristrutturazione casa che si traducono in detrazioni fiscali.

Viene prorogato il Super Bonus 110%, finalizzato a operazioni di efficientamento energetico, che comprendono anche l’installazione impianti fotovoltaici e stazioni di ricarica di veicoli elettrici oltre che la già presente realizzazione del cappotto termico. Questo bonus è valido fino al 2023 per condomini e IACP.

L’Ecobonus 2022, che prevede una detrazione fiscale variabile dal 50% al 65%, include anche il bonus caldaia. Per conoscere i diversi modelli di caldaie di ultima generazione, clicca qui.

Oltre alla proroga di diversi bonus preesistenti, come il sisma bonus, quello per la sostituzione degli infissi e il restauro, ci sono alcune novità come il bonus del 75% per abbattere le barriere architettoniche e un bonus per l’affitto dei più giovani costituto da un’agevolazione fiscale.

Come accedere ai bonus casa 2022

In base alla tipologia di bonus, ci sono alcuni requisiti. Ad esempio, per il Superbonus 110%, la versione aggiornata prevede l’equivalenza nella consegna dei lavori tra interventi “trainanti” e “trainati” così come il completamento di almeno il 30% dei lavori entro giugno 2022. Si tratta di termini che possono variare per alcune tipologie di abitazioni.

Per il bonus mobili ed elettrodomestici, invece, prorogato fino al 2024, bisognerà fare attenzione al tetto di spesa: infatti, la detrazione del 50% è valida fino a 10.000 euro nel 2022 e fino a 5.000 euro nel 2023 e 2024. L’agevolazione si può ottenere anche se non vengono eseguiti grossi interventi edilizi, purché esistano alcune condizioni come l’esecuzione di interventi di manutenzione.

Il bonus facciate, prorogato fino al 2022, invece, prevede una riduzione della detrazione, dal 90% al 60%, ma senza limiti di spesa.

Per capire come accedere ai diversi bonus casa 2022, è bene rivolgersi a un esperto o al CAF che valuterà il singolo caso e consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Come capire a chi spettano i bonus ristrutturazione

Il bonus ristrutturazione casa prevede una detrazione del 50% sull’IRPEF, fino a massimo 96.000 euro di spesa se sostenute nel periodo che va dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2024. Gli interventi inclusi per i condomini sono quelli di riqualificazione edilizia, manutenzione straordinaria e ordinaria. Rientrano nelle spese agevolabili anche quelle di progettazione e per l’acquisto dei materiali. É importante che vengano conservate le relative fatture dei pagamenti effettuati con bonifico.

Possono accedere a questo bonus tutti i contribuenti che pagano le imposte sui redditi, residenti o non residenti in Italia, non solo proprietari degli immobili, ma anche e locatari o comodatari.

Il bonus ristrutturazione casa può essere usufruito sia come sconto in fattura, sia come credito d’imposta e anche in fase di dichiarazione dei redditi, con la presentazione del modello 730 o del modello Unico.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.