Come fare la polenta

Oggetto di questa guida, un piatto antichissimo di origine italiana, basato su ingredienti poveri, genuini e di facilissima reperibilità. In quest’articolo, infatti, scopriremo come fare la polenta; piatto conosciutissimo in tutto il mondo e dalle molteplici varianti. La ricetta base della polenta che tratteremo di seguito, ha costituito per secoli il pasto base della cucina settentrionale. In particolare, la pietanza è stata e, continua ad essere, un must particolarmente amato nelle regioni alpine, pianeggianti e appenniniche del Nord Italia; specie in Lombardia, Veneto, Piemonte, Trentino e Valle d’Aosta. La polenta deve il suo caratteristico colore giallo alla presenza del mais. Prima della scoperta dell’America, infatti, il pasto presentava pigmentazioni differenti. Senza perderci in ulteriori digressioni storiche, scopriamo come fare la polenta omaggiando la tradizione, pur aprendo uno spiraglio verso la modernità.

Come fare la polenta: ingredienti

Come detto, preparare la polenta vuol dire utilizzare ingredienti semplici ed essenziali e combinarli in una poesia di sapori unica, con un meraviglioso retrogusto storico. La ricetta oggetto della nostra guida presenta 484 Kcal per porzione e prevede:

–        500 g di Farina di mais

–        2 l d’acqua

–        15 g di olio extravergine d’oliva

–        1 cucchiaio di sale grosso

La preparazione

Giunti al paragrafo della preparazione, scopriamo nel dettaglio come fare la polenta. Innanzitutto, mettiamo sul fuoco una pentola in acciaio dal fondo spesso con all’interno i 2 litri d’acqua. Nel momento in cui l’acqua sfiorerà il bollore, uniamo il sale e versiamo la farina a pioggia. Dopodiché ci appresteremo a mescolare con un cucchiaio di legno. I tradizionalisti potranno munirsi, in questo caso, del caratteristico bastone in nocciolo altrimenti detto tarello. Manteniamo la cottura a temperature alte e mescoliamo velocemente senza mollare mai la presa.

A questo punto, aggiungiamo l’olio di oliva. Si tratta di un passaggio essenziale, poiché utile a prevenire la formazione di grumi nel composto creatosi. Continuiamo a mescolare e attendiamo che il tutto ritorni a bollire. Successivamente, abbassiamo il fuoco al minimo e proseguiamo per la cottura, a fuoco dolce per circa 50 minuti. Dovremo aver cura, in questi passaggi, di non far attaccare mai il composto al fondo e, soprattutto, di continuare a mescolare senza fermarci per alcun motivo.

Trascorso il tempo di cottura, la nostra polenta sarà pronta. A questo punto, alziamo la fiamma in modo da permettere al composto di staccarsi in maniera ottimale dalla pentola. Una volta accertatici dello svolgimento della procedura con successo, capovolgiamo il tegame su un tagliere poco più grande del diametro della polenta e, preferibilmente in legno. Serviamo pure la nostra gustosa polenta. 

Come fare la polenta: consigli sulla conservazione

Siamo arrivati alla fine di questa guida su come fare la polenta. A questo punto, sarete perfettamente in grado di rendere giustizia ad un piatto amatissimo della cucina tradizionale del Nord Italia. Di seguito, troverete alcuni consigli per conservare la pietanza al meglio. Anzitutto, è possibile conservarla in frigo chiusa ermeticamente in un apposito contenitore per massimo 4 giorni. Eventuali alternative gustose possono essere quelle di grigliare le fettine di polenta oppure aggiungere formaggio e mozzarella e ripassare in forno. 

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.