Come fare la maionese

La maionese è una delle salse più famose al mondo. Insieme al Ketchup è probabilmente quella più usata e conosciuta per insaporire le più svariate pietanze. La sua origine è avvolta nel mistero, come anche l’etimologia della stessa parola maionese.

Si ritiene che questa crema ottenuta dall’emulsione delle uova e dall’olio abbia avuto vita intorno al ‘700. Saper fare la maionese può tornare utile in qualsiasi momento, o più in particolare in specifiche occasioni come il cenone di Natale, momento nel quale una buona maionese può fare la differenza ed accompagnare in maniera eccellente i piatti più sofisticati. Ecco come fare un’ottima maionese per diversi tipi di piatti. 

Come fare la maionese: ingredienti da utilizzare

Come già anticipato, alla base della preparazione della maionese ci sono le uova. Queste devono essere freschissime e utilizzate quando sono a temperatura ambiente. Ci sono poi altri ingredienti che uniti ai tuorli generano la maionese. Le porzioni di ciascun ingrediente vanno ben dosate affinché il risultato finale sia impeccabile. Di seguito riportati gli ingredienti necessari per la preparazione di 300 grammi di maionese.

  • 2 Tuorli freschi, a temperatura ambiente
  • Succo di limone 
  • Olio di semi 250 g
  • Aceto di vino bianco (1 cucchiaino e mezzo)
  • Pepe nero (quanto basta)
  • Sale fino 3 g

Come preparare la maionese

La preparazione della maionese consta di diversi semplici passaggi che vanno rispettati nel loro ordine. Occorre molta attenzione e pazienza perché l’ottenimento della salsa è legato al processo di emulsione dei tuorli. Di conseguenza sarà fondamentale non essere nè frettolosi nell’aggiunta di ingredienti nè “violenti” nel mescolare il composto che si andrà a trattare.

Per prima cosa occorre munirsi di una ciotola e di una frusta elettrica. Il primo passaggio consiste nel versare i tuorli a temperatura ambiente nella ciotola e versare un po’ di succo di limone. Si procede con il frustare i tuorli con  lo sbattitore elettrico.

Affinché la maionese non vada a male occorre impostare una velocità media sul nostro sbattitore e procedere. Mentre si mescola il tutto si può cominciare a versare l’olio a filo. Questo procedimento va ripetuto con calma e a più riprese. Si prendano brevissime pause prima di continuare a versare l’olio di semi; questo particolare passaggio trova la sua ragion d’essere sempre nel fatto che stiamo trattando un composto molto delicato e altamente “suscettibile”.

Quando si avrà versato circa la metà dell’olio a disposizione, occorre accertarsi della densità del composto e di conseguenza aggiungere il succo di limone che era rimasto dalla prima aggiunta, sempre poco per volta e sempre continuando a montare la maionese. Dopo ciò si passa a versare l’olio di semi rimasto, sempre a filo. Alla fine, quando la maionese sarà pronta e montata si può ultimare il processo aggiungendo il sale, un pizzico di pepe e un cucchiaino e mezzo di aceto. A questo punto la maionese sarà finalmente pronta e potrà essere gustata.   

La conservazione della maionese

La conservazione della maionese è un tema molto delicato, in quanto questo tipo di maionese può essere conservata solamente per un giorno al massimo. Il consiglio è ovviamente quello di consumare la salsa al momento o almeno quanto prima. La sua composizione e i suoi ingredienti infatti non ne consentono una conservazione duratura.

I migliori piatti a base di maionese

La maionese da sempre ha accompagnato i piatti e le pietanze più disparate, dal cibo di strada alle ricette d’alta cucina. E’ per questo motivo che oggi la si trova quasi ovunque. Non bisogna tra l’altro dimenticare che può essere utilizzata mescolata ad altre salse per l’ottenimento di composti ancor più saporiti. Nel dettaglio i migliori piatti con i quali è consigliato l’utilizzo della maionese sono: gli hot dog, gli uramaki, i tramezzini, l’insalata Waldorf, l’insalata di patate alla tedesca. 

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.