Come fare i dread

Quella dei dread rappresenta un acconciatura di capelli molto difficile da realizzare, dal momento che risulta essere propria di una serie di caratteristiche estetiche e strutturali che devono essere messe a punto e che, allo stesso tempo, portano alla realizzazione di questo particolare tipo di taglio di capelli. I dread si possono essere realizzati presso un parrucchiere, ma farli da soli risulterà essere sicuramente più soddisfacente. Ovviamente, per fare i dread, bisogna non soltanto investire molto a proposito di prodotti che devono essere utilizzati per la realizzazione di questi capelli, ma bisogna anche pensare di tenerli per diversi mesi, dunque investire anche sul mantenimento dei capelli e, di conseguenza, cercare di trovare prodotti e metodologie adatte per far sì che i dread permangano. Ecco tutto ciò che c’è da sapere a proposito di come fare i dread

Come fare i dread: fase iniziale

Per fare i dread bisogna, innanzitutto, prendere in considerazione una serie di consigli relativi alla pulizia dei capelli. Generalmente, chi ha i dread viene associato ad una persona che raramente lava i propri capelli e che non una grande igiene pulizia di sé; in realtà, l’utilizzo di prodotti specifici permette di tenere i capelli costantemente puliti, ma non utilizzando le forme tradizionali di lavaggio dal momento che queste stesse potrebbero essere dannose per la qualità e la vivibilità del proprio dread.

In effetti, prima di partire, bisognerà tenere i capelli puliti per accelerare e semplificare il processo per realizzare i dread. Non solo, dal momento che gli oli naturali che si formano sui propri capelli permettono di rendere gli stessi più scivolosi e meno personalizzabili attraverso i dread, dunque è necessario iniziare poco dopo aver lavato i propri capelli con uno shampoo. È fondamentale non aggiungere balsamo o altre creme ai propri capelli dopo che questi stessi sono stati lavati, così come è importantissimo aspettare che i capelli siano completamente asciutti prima di iniziare. 

Come iniziare a preparare i dread

A questo punto, si può iniziare con la parte di preparazione vera e propria dei dread, che vanno realizzati servendosi di una serie di passaggi che permettono, chiaramente, di giungere alla completa realizzazione di queste particolari tipologie di capelli. A proposito dei capelli, questi stessi dovranno essere divisi in quadrati. Ogni quadrato di capelli dovrà diventare un dread, dunque la divisione dei quadrati dipenderà effettivamente dal numero di dread che vogliono essere ottenuti e dall’estetica totale che si vuole avere. 

Ovviamente, il consiglio principale da rispettare, In questo caso, è quello di realizzare quadrati di medesime dimensioni, per avere un’estetica più ordinata quando saranno realizzati i dread; per realizzare i quadrati bisognerà servirsi di un pettine dai denti larghi, per separare i propri capelli. Gli stessi potranno essere tenuti separati attraverso l’utilizzo di piccoli elastici. Il consiglio da seguire è quello di creare dei quadrati a zig zag, in modo da non rendere visibile la trama della separazione dei propri capelli una volta che saranno ottenuti i dread. 

Generalmente, per ottenere un dread di dimensioni medie, occorrerà realizzare un quadrato di circa 2 cm. Per questo motivo, potenzialmente i quadrati realizzabili sono molteplici, e bisognerà pensare anche al tempo per ottenere i propri dread una volta terminata la procedura iniziale. Dopo aver fatto ciò, bisognerà pettinare all’indietro le sezioni dei capelli, partendo da circa 2 cm dallo scalpo e servendosi di un pettine a denti stretti per pettinare all’ingiù verso la testa. La tecnica dovrà essere ripetuta finché i capelli non inizieranno a gonfiarsi e accumularsi alla radice. Mentre, inoltre, con una mano si svolge questa tecnica per pettinare i propri capelli, l’altra mano dovrà essere utilizzata per attorcigliare la sezione sulla quale si sta lavorando, aiutando il processo di pettinatura. Ovviamente, la procedura va ripetuta per ognuno dei quadrati di capelli precedentemente realizzato, non utilizzando mai una tempistica o una cura differente, se non si vogliono ottenere dei Dread disomogenei. 

Come fissare i dread

Terminata la fase iniziale di pettinatura, potranno essere formati i dread, servendosi di un elastico a chiusura e di un secondo elastico da piazzare sulla attaccatura dei capelli. Questi stessi potranno anche essere rimossi successivamente ma serviranno, in un primo momento, a lavorare meglio con il proprio dread; per formare lo stesso sarà opportuno utilizzare la cera naturale o un gel rafforzante per evitare che il dread si sfilacci o increspi. 

E’ consigliato scegliere una cera fatta con aloe o altri ingredienti naturali, per ottenere un risultato migliore e, soprattutto, per non rovinare i propri capelli. Per fissare i dread bisognerà, dapprima, lavare di nuovo i propri capelli con uno shampoo, poi continuare a idratare i dread di volta in volta, seguendo un processo di fissaggio che richiederà almeno 3 mesi per essere completo. È fondamentale non maneggiare troppo i dread, sia mentre questi stessi vengono lavati, sia successivamente, per evitare che si sfilaccino. Per idratare i dread, invece, è opportuno servizi soltanto di olio e acqua, da spruzzare ogni due giorni; è sconsigliato servizi di olio vegetale, olio d’oliva o altri oli, perché rovinerebbero certamente i capelli.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.