Come fare detersivo fatto in casa

Siamo sempre più sommersi da prodotti per la pulizia, per ogni esigenza, il numero di contenitori che abbiamo nei ripostigli e sotto i lavandini è sorprendente.

Prodotti per vetri, pavimenti, superfici delicate o superfici dure, per piastrelle, per il wc, per i box doccia, specifico per la pulizia del frigo, per le macchie più ostinate, per il piano cottura o per ogni tipologia di pavimento, per bucato, per macchie profonde, per profumare, eccetera eccetera. Questo perché le pulizie toccano a tutti, e in casa, sopratutto quando ci sono bambini piccoli, l’igiene non sembra mai abbastanza e la grande industria ha ben lavorato su questo “bisogno” fornendo ogni tipo di detersivo, di ogni forma e colore.

Ma di cosa abbiamo realmente bisogno per vivere in una casa pulita?

Sicuramente di meno prodotti, cercando di essere persone coscienti delle proprie azioni sia in rapporto al mondo che verso sé stessi.

Proprio così, i detersivi che utilizziamo possono essere pericolosi sia per noi che per l’ambiente, basti pensare che la maggioranza dei prodotti in commercio è composta da sostanze derivanti del petrolio, e che l’effetto detergente di questi prodotti è ottenuto proprio dagli ingredienti più pericolosi.

Non siamo coscienti dei pericoli di questi composti chimici, l’esempio classico è la candeggina, tutti conosciamo le sue caratteristiche: ottimo battericida e sporicida, attivo anche contro i virus grazie all’ ipoclorito di sodio ma, meno noti sono gli effetti negativi dei derivati dal cloro.

Alcuni effetti negativi della candeggina sono: alterazioni dell’apparato riproduttivo, del sistema endocrino e immunitario fino ad arrivare alla capacità di indurre tumori. Per concludere, la candeggina è pericolosa per noi e altamente inquinante per l’ambiente.

Detto ciò, non vogliamo screditare tutti i prodotti commerciali, in certi casi, soprattutto quando si tratta di prodotti certificati da presidio medico ed ecologici, possiamo stare al sicuro;

Tuttavia è altrettanto sbagliato pensare che il detersivo fatto in casa non possa fare danni, esempio? l’aceto utilizzato da molti per lucidare posate e stoviglie ha un’effetto igienizzante solo se mescolato all’acido citrico, usato da solo può contaminare invece che difendere!

Attenzione quindi alle mille ricette che si trovano in rete sull’autoproduzione, informarsi bene sulle caratteristiche di ogni componente prima di iniziare è un’aspetto fondamentale.

Gli ingredienti base per l’autoproduzione non sono tanti:

  • acqua ossigenata
  • bicarbonato di sodio
  • aceto e acido citrico
  • percarbonato
  • sapone di marsiglia
  • limone

Altro aspetto importante è non mescolare i prodotti acidi con le basi:

  • Elementi acidi: limone, aceto, acido citrico e sale
  • Elementi basici: bicarbonato e percarbonato
  • Elementi neutri: acqua ossigenata e sapone di Marsiglia.

Questo perchè i batteri vivono in ambienti leggermene acidi o basici e per avere efficacia su essi dobbiamo alterare il loro habitat naturale.

Entriamo ora nel vivo e iniziamo a elencare i vari detersivi naturali che possiamo facilmente autoprodurre nelle nostra case:

Buona produzione a tutti!

Un video semplice che vi farà vedere quanto è semplice auto produrre in modo ecologico e sano i nostri detersivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.