Cos’è il Bitcoin e come acquistarlo.

La società economica e finanziaria viaggia su binari velocissimi, essendo in continua evoluzione e l’unica differenza sostanziale fra il passato e il presente, è costituita da un elemento chiave rappresentato dalla presenza di fondi monetari o meno, in quanto acquistare delle azioni di una società X non sempre è stato accessibile a chiunque, invece oggi investire in cripto valute ha reso tutto più semplice e abbordabile per le tasche di chiunque. Pertanto, il mondo virtuale è più consultabile e meno oscuro da scoprire, senza negare o tralasciare che vi è sempre il rischio di perderci. Già da qualche anno a questa parte, si sente parlare di BITCOIN, la moneta virtuale per eccellenza denominata criptovaluta. Attorno a essa serpeggia ancora scarsa informazione, curiosità e paura allo stesso tempo. Forse ancora oggi, che siamo agli albori di una vera e propria rivoluzione mediatica e finanziaria mai vista, molti non comprendono il reale valore della criptovaluta e ne stanno per paura e timore alla larga sbagliando di grosso.

Cos’è una criptovaluta?


La criptovaluta non è altro che una valuta digitale, che viene utilizzata per convalidare transazioni online in modo crittografato e tale da garantire pagamenti online sicuri e senza alcuno scambio di denaro vero di qualsiasi genere. In pratica lo scambio è simile a un bonifico bancario ma, senza far transitare soldi veri. La velocità di scambio è rapidissima e sempre sicura, in modo tale da evitare lungaggini burocratiche e bancarie come quando si spostano soldi in genere. Insomma, un’idea rivoluzionaria, che sta prendendo piede nel mondo lentamente ma, che in America è già ad altissimi livelli. Per effettuare lo scambio di criptovaluta, si utilizza la tecnologia Blockchain. La prima vera definizione di criptovaluta quindi, è quella di:
“valuta paritaria, decentralizzata e digitale”
che si basa sui principi della crittografia, in modo tale da convalidare tutte le operazioni e la generazione della moneta in sé.

Andiamo ora ad analizzare da vicino le varie definizioni che riguardano la criptovaluta appena descritta:

  • Valuta paritaria intesa come unità di scambio, simile ai soldi reali chiamati nel mondo delle cripto valute: FIAT (euro, dollari ecc.). Pertanto, la criptovaluta non è altro che una moneta virtuale e non fisica che permette lo scambio di codici fra persone, attraverso la rete, simile ai soldi reali appunto detti Fiat.
  • Decentralizzata perché non è controllata da una singola entità, come lo è l’euro controllato dalla Banca d’Italia.
  • Digitale perché le operazioni avvengono in rete digitalmente e non con soldi reali ma, con degli indirizzi alfanumerici che sostituiscono il vecchio Iban bancario.
  • La criptovaluta si basa inoltre sulla Crittografia, che è la tecnica per nascondere ciò che non si vuole far leggere a persone non autorizzate, in pratica la criptovaluta permette, a chi la utilizza una certa confidenzialità soprattutto nell’ambito della sicurezza informatica, creando una specie di protezione contro chi non la possiede virtualmente, ma si ha allo stesso tempo la certezza dell’operazione effettuata.


Le implementazioni delle cripto valute utilizzano la tecnologia denominata peer-to-peer su reti, i cui nodi sono rappresentati da migliaia di computer sparsi nel globo, con ampia scelta di portafogli elettronici detti Wallet, dove custodire le cripto valute.
Andiamo a vedere nel dettaglio la definizione della tecnologia peer-to-peer:
Nel linguaggio digitale il termine peer-to-peer significa modello di architettura logica di rete informatica, in cui i cosiddetti nodi (dispositivi hardware in grado di comunicare con altri dispositivi che fanno parte della rete stessa) non sono gerarchizzati unicamente sotto forma di server fissi (componente informatico che fornisce un qualunque tipo di servizi ad altre componenti). https://www.money.it/Bitcoin-cosa-sono-e-come-funzionano


Come funziona il Bitcoin?

La criptovaluta per eccellenza è denominata: BITCOIN e la sua nascita è attribuita a un individuo sconosciuto ma, noto ai più come il fantomatico “Satoshi Nakamoto” nel 2009. Per il resto non si sa null’altro ma, in merito si avanzano solamente teorie prive di fondamenta, almeno per ora. Successivamente, il protocollo/criptovaluta Bitcoin è stato migliorato e perfezionato da una comunità di ingegneri decentralizzati e senza che vi fosse nessun organo di controllo. Il Bitcoin si basa sulla tecnologia denominata Blockchain e permette pertanto, operazioni digitali senza far muovere denaro vero.

Cos’è la Blockchain?

Andiamo ad analizzare il termine Blockchain più a fondo:

La tecnologia Blockchain che in italiano significa catena di blocchi, permette di memorizzare le transazioni tra due parti in modo sicuro e verificabile. Tutte le transazioni creano dei record (dato strutturato che comprende diversi elementi) detti appunto blocchi o blocks collegati tra loro con la crittografia.
Può apparire tutto maledettamente complicato ma, ti posso garantire che non c’è nulla di più semplice nel comprendere ciò che ruota attorno alle cripto valute in tutte le sue sfaccettature. https://www.borsaitaliana.it/notizie/sotto-la-lente/bitcoin-172.htm

Cos’è l’exchange?


Scopriamo gli Exchange che sono oramai tantissimi, presenti sul mercato e puoi aprirne quanti ne vuoi, ma quelli analizzati più sicuri e affidabili sono:
• Binance
• Kucoin
• Spectrocoin
• Coinbase


Nello specifico un Exchange di cripto valute non è altro che un mercato ove poter scambiare cripto valute e/o coppie di cripto, in modo tale da poterle acquistare e/o vendere e/o scambiare. Per coppie di cripto valute, si intende un vero e proprio accoppiamento di scambio delle cripto in genere, ad esempio per acquistare la criptovaluta Bankera la devo accoppiare a Bitcoin o a Ethereum in modo tale da acquistare prima una parte di Bitcoin o di Ethereum e poi scambiarla in Bankera.

Le coppie di cripto valute descrivono uno scambio tra una criptovaluta e un’altra (esempio BTC/BAT, la prima è il Bitcoin mentre la seconda è Basic Attention Token). Nello scambio la criptovaluta che occupa il lato sinistro e in questo caso specifico il Bitcoin è chiamata Valuta base, mentre quella che occupa il lato destro e in questo caso specifico la criptovaluta Basic Attention Token è chiamata Valuta quotata.

In ogni coppia di cripto valute c’è sempre un tasso di cambio che è un indicatore della quantità di unità di Valuta quotata richiesta per acquistare un’unità di Valuta base. Nello specifico significa che per acquistare una parte di Bitcoin, serve una quantità maggiore di Basic Attention Token perché ha un valore inferiore alla prima. Partiamo dal presupposto che tutto ruota attorno al Bitcoin e ad Ethereum per acquistare successivamente tutte le altre cripto valute desiderate.

Conclusioni


Il mercato delle cripto valute è sicuramente un settore nuovo e in crescita che molti, hanno diffidenza a recepirlo ma, ciò rappresenta il futuro economico mondiale e di come la moneta si sta trasformando ovunque. Resta il fatto, che per avere una quota di Bitcoin o di qualunque altra criptovaluta è necessario quindi aprire un Wallet e versare denaro “reale” per essere trasformato successivamente in valuta digitale.




Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.