Come pulire il materasso e disinfettarlo in 4 passaggi

Anche prima degli ultimi due anni, gli sfortunati 2020 e 2021, l’igiene del nostro materasso è stato uno degli elementi più importanti da tenere in considerazione. Prevenire la comparsa di muffe, prendersene cura dalla polvere e proteggerlo dagli acari è diventato essenziale.

Ma, come ormai ben noto, l’anno 2020 ci ha portato il terribile Covid. All’improvviso, disinfettare qualsiasi prodotto che entrava nella nostra casa è divenuto un momento obbligatorio: dalle mani, alla spesa, alla casa e al letto che costituisce qualcosa di “intimo”. Per quanto difficile possa sembrare, disinfettare il materasso è possibile ed oggi ci sembra anche necessario.

Vediamo allora insieme i passi per pulire il materasso. Prima, però, ricordiamo come possa essere fondamentale scegliere un materasso buono e traspirante. Segui poi 5 semplici passi per pulizia e disinfezione.

4 semplici passaggi per pulire il materasso della camera da letto e disinfettarlo

Segui passo passo questa semplice routine per risultati eccellenti.

1. Lavare la biancheria da letto

La disinfezione inizierà con lenzuola, copripiumino, piumino e, naturalmente, cuscini (e cuscini decorativi, se presenti).

Dopo aver osservato attentamente le istruzioni di lavaggio di tutti questi capi e conoscendo le temperature massime, metterli in lavatrice. Per l’asciugatura, metterli al sole ad asciugare all’aria aperta. Nel caso non lo sapessi, i raggi UV possono funzionare come disinfettante.

Per quanto riguarda i cuscini, andrebbero lavati in base alla loro composizione. Come ben saprai, quelli in fibra o piuma hanno le loro indicazioni e quelli in materiale viscoelastico non possono essere messi in lavatrice. Altrimenti, puoi lavare la copertura protettiva esterna che copre il nucleo interno.

2. Puliamo le macchie secche che troviamo sul materasso

Mentre lasciamo che la biancheria da letto si goda il suo bagno in lavatrice e l’asciugatura seguente, torniamo in camera da letto per affrontare l’elemento centrale del nostro riposo: il materasso. Questo è il momento in cui inizieremo ad eliminare quelle macchie visibili che di solito compaiono sul materasso.

Per eliminare tutte quelle macchie più secche prodotte dallo sversamento di liquidi o alimenti, dovremo preparare in un contenitore una miscela che combini due terzi di acqua ossigenata e l’altro terzo con sapone liquido normale che non ha coloranti o oli. Mescola il risultato fino a quando non appare una schiuma che ci aiuterà a pulire. Successivamente, e con l’aiuto di una spazzola pulita, lo immergeremo nel sapone risultante e strofineremo le macchie del materasso molto delicatamente. Quando le macchie scompaiono, dovremo pulire con un panno pulito e leggermente umido per rimuovere eventuali residui.

A proposito! Se il tuo materasso è in memory foam, dovrai stare molto attento quando pulisci questi tipi di macchie. Usa meno schiuma possibile per non bagnare eccessivamente il tuo materasso in schiuma. Allo stesso modo, fai attenzione nella successiva asciugatura. Se opti per un asciugacapelli, non utilizzare mai la potenza massima.

3. Rimuovere le macchie biologiche dal materasso

Se pensavi che le uniche macchie che potresti trovare sul tuo materasso siano quelle secche, era sbagliato. La cosa normale è che ne abbiamo provocati altri di origine più biologica: sangue, sudore, urina, liquidi …

A differenza delle macchie secche, lo strumento principale di cui avremo bisogno per la loro rimozione è il detergente enzimatico. Consigliamo di acquistare il suo formato spray, un’opzione più facile da gestire.

Per prima cosa, spruzzeremo un po’ di detergente enzimatico su un panno. Strofineremo leggermente il panno sulla macchia e lo lasceremo riposare tra 10 e 15 minuti. Secondo, useremo un altro panno inumidito con acqua fredda e strofineremo delicatamente il detergente enzimatico rimasto sul materasso.

Come puoi vedere, i dettagli e la cura saranno due degli elementi più importanti quando si puliscono le macchie del materasso. E ovviamente non spruzzeremo mai i prodotti direttamente sul nostro materasso.

4. Deodora il tuo materasso (o comunque, più in generale, elimina i cattivi odori)

Dopo la rimozione delle macchie e la successiva asciugatura del materasso, possiamo affrontare il quarto passaggio. Per deodorare il tuo materasso avrai bisogno di un prodotto molto specifico: una normale bottiglia da 200 grammi di bicarbonato di sodio. L’importante è che contenga un dispenser (oggi quasi tutti ce l’hanno) per aiutarti a cospargerlo.

Dopo aver spruzzato il bicarbonato sulle zone interessate (soprattutto quelle che hanno più contatto con testa e piedi), lo faremo agire non più di un’ora. Trascorso questo tempo e con l’aiuto della spazzola dell’aspirapolvere, rimuoveremo i resti di bicarbonato dall’intero materasso.

Ebbene, attraverso questi pochi e semplici passaggi potremo avere un’ottima pulizia dell’ambiente dove dormiamo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.