Come organizzare un progetto di internazionalizzazione delle imprese

Nella realtà attuale siamo sempre più interconnessi e globalizzati, quindi è logico che anche le aziende da questo punto di vista devono affrontare nuove sfide. A volte per le imprese è necessario riuscire ad inserirsi nei mercati esteri che fino ad un certo punto non avevano considerato. Questo processo si chiama internazionalizzazione. Possono essere varie le motivazioni che spingono le aziende ad approcciare i mercati esteri. Per esempio può accadere che si attraversino dei momenti di rallentamento nei mercati in cui già sono presenti, può accadere che si faccia sentire ancora più elevata la concorrenza o può essere che l’impresa voglia tentare nuove opportunità di guadagno.

Che cos’è l’internazionalizzazione

L’internazionalizzazione imprese è un processo tramite il quale le aziende si aprono a nuovi mercati all’estero, considerando la possibilità di instaurare dei nuovi rapporti di tipo commerciale con altre imprese, con i consumatori e con le istituzioni che si trovano all’estero.

Per esempio spesso l’internazionalizzazione non avviene soltanto con lo scopo di vendere prodotti o servizi, ma anche per produrre, acquistare materie prime o trovare dei nuovi finanziamenti.

Il mercato interno spesso non lascia molte opportunità, perché può essere interessato da una saturazione dei settori produttivi oppure può mancare di stimoli al consumo. In un contesto del genere, appesantito tra l’altro da un’eccessiva burocratizzazione e da un elevato carico fiscale, si fa sentire sempre di più la concorrenza delle aziende estere.

Spesso il mercato estero lascia più libertà dal punto di vista burocratico e applica una tassazione semplificata che dà la possibilità alle aziende di portare avanti in maniera molto più facile i loro rapporti commerciali.

Ma non dobbiamo pensare che internazionalizzare un’impresa sia un processo completamente privo di ostacoli. Infatti bisogna avere un’ottima conoscenza di tutte le situazioni politiche, economiche, legali e sociali del nuovo Paese in cui si vuole operare.

Ci sono anche dei rischi derivanti dal cambio di moneta e a volte il pericolo si annida nelle barriere linguistiche e culturali, per cui occorre procedere con molta prudenza e con attenzione.

Come procedere per internazionalizzare un’impresa

Ecco perché si parla sempre di più di progetto di internazionalizzazione, che deve essere condotto facendo attenzione ad alcuni step fondamentali. Per operare al meglio si deve effettuare inizialmente un’autovalutazione, tenendo conto delle possibilità produttive dell’impresa, sia nel breve che nel medio periodo. In questo modo si possono definire quali sono le risorse che possono essere destinate ai mercati esteri.

Poi si effettua un’analisi patrimoniale, economica e finanziaria, tenendo conto dei dati di bilancio di almeno tre anni, e in seguito si passa alla messa a punto del business plan. Quest’ultimo è uno strumento essenziale di programmazione dello sviluppo internazionale, che dà la possibilità di descrivere un progetto in tutte le sue fasi.

Naturalmente si devono considerare molti elementi nell’ambito di un progetto di questo tipo, perché per esempio è importante studiare il Paese e il mercato di riferimento.

La selezione del mercato in cui ci si vuole introdurre è un passo essenziale, perché le aziende devono valutare i fattori geografici, economici, demografici e culturali. Poi possono pensare a ricercare eventuali partner e hanno l’opportunità di procedere alla valutazione di eventuali accordi di cooperazione, come alleanze di tipo commerciale e contratti di fornitura.

Devono tenere conto anche di un partner che possa fornire tutte le informazioni necessarie per ottenere contributi pubblici e finanziamenti agevolati che a volte sono predisposti proprio per quelle imprese che desiderano aprirsi all’internazionalizzazione.

Tutti questi fattori possono fare la differenza, tenendo conto dell’esperienza, della progettualità, della capacità di analisi, per costruire una strategia adeguata per aprirsi all’estero, considerando sempre le condizioni degli specifici mercati di interesse nei loro dettagli.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.