Come fare l’autopalpazione al seno

Il 90% dei tumori al sono può essere scoperto tempestivamente da voi stesse eseguendo periodicamente l’auto palpazione del seno.

Per eseguire al meglio il test scegliete con cura il giorno più adeguato. I giorni migliori sono dopo il quarto giorno dalla fine delle mestruazioni. In questi giorni infatti il seno non risulta teso e dolorante.

Le parti che devono essere analizzate sono:

  • area sopra la clavicola
  • mammella
  • capezzolo
  • area a lato dell’ascella

Osservazione del seno:

Posizionatevi davanti ad uno specchio, con il busto e il capo ben eretto. Le braccia devono essere lasciate pendenti lungo i fianchi.

Osservate attentamente che entrambi i seni non presentino ingrossamenti, aree alterate dia della pelle che dei capezzoli. Controllate anche che non ci siano degli infossamenti.

Alzate quindi le braccia uno alla volta sopra la testa e ripetete l’osservazione.

Alzate entrambe le braccia sopra la testa e ripetete nuovamente l’osservazione.

Contrarre i muscoli pettorali e osservare nuovamente.

Procedete quindi alla palpazione vera e propria:

Alzare un braccio e con l’altra mano eseguire con i polpastrelli dei movimenti circolari, passando su tutta la parte laterale del seno.

Eseguite movimenti in maniera circolare, radiale e lineare.

Esercitare quindi una leggera pressione sulla ghiandola mammaria e “pizzicate” il capezzolo per individuare possibili secrezioni.

L’auto palpazione del seno va eseguita ogni mese, solo così è possibile rendersi conto di eventuali cambiamenti.

Nel caso vi accorgiate di qualsiasi cambiamento chiamate immediatamente il vostro medico curante, che saprà indirizzarvi ad uno specialista.

VIDEO CHE SPIEGA IN PRATICA COME FARE la PALPAZIONE AL SENO

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.