Come accendere il camino

Con il freddo dei giorni della merla non c’è di meglio che mettersi davanti al fuoco e godersi la serata in relax. Ma come accendere il camino? Molti non sanno che per accedere il camino basta davvero poco, ma esistono delle piccole raccomandazioni da fare e seguire, altrimenti potete anche bruciare tutta la carta del mondo ma il fuoco non si accenderà mai!

Per prima cosa procuratevi:

  • un ceppo di legno grande
  • legna di media grossezza
  • piccoli fuscelli
  • carta e/o cartone
  • diavolina
  • accendino

Accendere il camino – Come procedere

Per prima cosa pulite il camino. Svuotate la cassetta che contiene la cenere e se vi sono ancora pezzi di brace metteteli da parte. La cenere, però, non buttatela, perché può essere facilmente impiegata in altro: leggete questa guida.

Ora passiamo a sistemare la legna. Prendete il ceppo grande e posizionatelo sul fondo del camino in orizzontale: sarà la base dove poggerete il resto della legna. In basso, davanti al ceppo, fate un piccolo cumulo di fuscelli. Sistemate poi sopra la legna partendo dalla più sottile alla più doppia, formando una sorta di capannella. Attenzione, però: la fiamma per accendersi ed espandersi ha bisogno di respirare, quindi è inutile mettere troppa legna l’una sull’altra.

Una volta sistemata la legna, prendete della carta o del cartone e posizionatela strategicamente fra un pezzo di legno ed un altro. Aiutandovi con le pinze da camino prendete la diavolina e accendetela. Sistematela sotto i fuscelli. A questo punto il più dovrebbe essere fatto, ma se notate che la fiamma abbia bisogno di più spazio per alimentarsi, allora togliete o spostate qualche pezzo di legna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.