Come fare un pediluvio naturale

piedi sono una parte del corpo spesso sottovalutata, soprattutto dagli uomini: ore ed ore chiusi in scarpe strette o con tacchi vertiginosi, posizioni errate, peso in eccesso e temperature estreme possono essere (e sono) complici di piedi gonfi a sera, di dolori che proprio non ci permettono di fare altro che starcene seduti in poltrona. Eppure basterebbe solo qualche accorgimento in più per evitare di massacrare i propri piedi, come un pediluvio naturale, magari fatto ogni sera prima di andare a letto.

Le buoni abitudini, come appunto quella di un pediluvio naturale, dovrebbero sempre essere seguite, qualunque sia la vostra età e il vostro sesso. Prendersi cura dei propri piedi non significa solo fare una pedicure una tantum, ma acquisire una forma mentis che sia indirizzata all’amore di sé e del proprio corpo. Inoltre, un pediluvio naturale non è particolarmente impegnativo, né richiede grandi capacità: vi basteranno pochi elementi e una mezz’ora da dedicarvi.

Pediluvio naturale, ecco cosa occorre

Per coccolarvi con un pediluvio naturale, ecco quali sono gli elementi da tenere sotto mano:

  • bacinella per l’immersione dei piedi
  • sale grosso da cucina (o, se preferite, sali specifici per la cura dei piedi)
  • bicarbonato
  • olio di mandorle
  • oli essenziali (facoltativi e a scelta)

Procedimento per pediluvio naturale

Per prima cosa occorre capire se avete bisogno di un pediluvio naturale volto a rilassarvi e a coccolarvi, oppure cercate un pediluvio che riattivi la circolazione. Nel primo caso, l’acqua dovrà essere tiepida o calda, a seconda dei gusti, ma aggirarsi comunque intorno ai 37-38 gradi, quindi un paio di gradi in più rispetto alla normale temperatura corporea. Se invece intendete stimolare la circolazione, l’acqua dovrà essere fredda. L’ideale, se avete tempo, è alternare in ammollo i piedi fra acqua calda e fredda (in due bacinelle distinte, ovvio): cinque minuti in una e cinque minuti nell’altra.

A prescindere che preferiate l’acqua calda o fredda, per procedere con il vostro pediluvio naturale dovrete mettere in acqua una bella manciata di sale grosso da cucina unita a due cucchiaini di bicarbonato. Se l’acqua è fredda, mescolate il tutto per qualche secondo. Sale e bicarbonato sono degli elementi che offrono un’azione purificante in profondità, sono disinfettanti naturali e permettono ai piedi di “rinnovare” la propria pelle.

Se cercate un pediluvio naturale rilassante, vi consiglio di mettere nell’acqua qualche goccia di olio essenziale alla lavanda o al timo, mentre se volete curare qualche piccola escoriazione oppure prevenire l’eccessiva sudorazione dei piedi, preferite l’olio essenziale di rosmarino, antibatterico e antinfiammatorio naturale. Vi ricordo che gli oli essenziali sono facoltativi, ma preferibili.

Mettete a mollo i piedi nell’acqua così arricchita di sale, bicarbonato ed oli essenziali, per almeno 20 minuti. Una volta terminato tale tempo, asciugate i piedi e prendete l’olio di mandorla. Esercitate una leggera frizione, insistendo sotto la pianta e nelle zone più dure come il tallone. Concedetevi un piccolo massaggio compiendo piccoli movimenti circolari partendo proprio dal tallone fino alle estremità delle dita.

Ti è piaciuto il consiglio? Oppure prova questo rimedio naturale per combattere i piedi gonfi

Luigia Bruccoleri

Classe '89, laureata alla Facoltà di Scienze Motorie di Napoli, sportiva al 100% e tifosa del Calcio Napoli sin da piccola. Amo e seguo lo sport a 360°. Giocatrice di pallacanestro da ormai 19 anni, praticamente da sempre! Amo andare in bici, esplorare la natura, andare al cinema, ascoltare la buona musica. Appassionata dei motori, soprattutto delle due ruote, adoro la spensieratezza che si prova guidandole. Amo gli animali e ho un dolce cagnolino "ormai nonnino" di 17 anni e di nome Willy! Il mio motto è: "Crederci Sempre, arrendersi Mai".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.