Come aprire un Bad and Breakfast in casa propria

Il Bed & Breakfast è un’attività che può essere avviata senza tanti cavilli burocratici e senza avere una particolare esperienza nel settore alberghiero. Basta, infatti, disporre di qualche camera libera in una zona di villeggiatura o in una città d’arte, da affittare ai turisti che, in questo modo, possono spendere meno e trascorrere la vacanza in un ambiente familiare e tranquillo.

Come fare Difficolta’: Media

Il Bed & Breakfast è un’attività che consiste nell’offerta di ospitalità e prima colazione a pagamento nella propria abitazione nell’ambito di una attività non continuativa e non esercitata in modo imprenditoriale ed è vietato assumere dipendenti.


E’ facile da avviare e da gestire, richiede investimenti molto contenuti ed è regolato da norme regionali che fanno riferimento alla Riforma della legislazione nazionale del turismo varata con la legge n. 135 del 29.03.2001.

Le norme per aprire un B&B in casa

Le norme variano da regione a regione e possono essere più o meno restrittive; in linea generale, però, è fissato un numero massimo di giorni all’anno in cui si possono accogliere persone, con una interruzione di almeno 90 giorni anche non consecutivi dell’attività; inoltre, è fissato anche un periodo massimo per la singola locazione.

In genere, l’ospitalità è limitata al pernottamento ed alla prima colazione con porzioni monouso e confezionate (pane, fette biscottate, brioche, marmellata, burro, latte, caffé e succo di arancia). Tuttavia in alcune regioni sono presenti delle eccezioni riguardo il luogo del pernottamento e l’offerta dei pasti.

L’apertura di un Bed & Breakfast deve rispettare i parametri per le strutture ed i servizi stabiliti dalla legge, ma che si differenziano da regione a regione.
Di norma, non è possibile mettere a disposizione degli ospiti più di 3 camere (6 letti con armadio, comodino, lampade, sedie e cestino) con un bagno per camera o in comune. Il soggiorno è generalmente condiviso con i proprietari.

Requisiti per aprire un bad & breakfast in casa?


Per poter iniziare l’attività l’abitazione deve, naturalmente, rispondere ai requisiti di abitabilità con impianti e strutture conformi alle norme di sicurezza e igienico-sanitarie, certificate o autocertificate nel momento in cui viene richiesta l’autorizzazione per aprire un Bed & Breakfast.
La pulizia dei locali deve essere fatta giorno per giorno mentre il cambio della biancheria varia da 1 a 3 volte la settimana.

Per aprire un Bed & Breakfast bisogna presentare la domanda o la dichiarazione di inizio attività all’Ufficio turistico del Comune di residenza, allegando le certificazioni che riguardano la struttura, i servizi offerti, i periodi di apertura previsti e i prezzi che devono essere stabiliti da chi presenta la richiesta.

Questi prezzi devono, poi, essere anche esposti in casa a disposizione degli ospiti.

La presenza degli ospiti deve essere dichiarata all’ufficio di pubblica sicurezza e a quelli provinciali per i rilevamenti statistici dell’Istat.

Da regione a regione le cose cambiano

In alcune regioni è necessaria anche una polizza assicurativa a fronte di eventuali danni ai clienti. Se si abita in un condominio, invece, non occorre l’autorizzazione dell’assemblea.

Alcune regioni hanno poi introdotto la tassa di soggiorno, per finanziare le attività turistiche della località.

Quindi in ogni caso vi conviene informarvi nel comune dove avete lo stabile che può prestarsi ad un Bad & Breakfast.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.