Come accordare la chitarra

L’approccio ad uno strumento musicale, può rappresentare uno dei passatempi più attraenti, ma, come è giusto che sia, prevede a sua volta anche tanta dedizione e pazienza, specie se si è alle prime armi. L’affascinante strumento di cui andremo a parlarvi oggi, è la chitarra.

Chi si avvicina per la prima volta a tale strumento, sia essa una chitarra classica, acustica o elettrica, sa bene che la prima operazione da compiere consiste esattamente nella sua accordatura, operazione di fondamentale importanza che permette di mettere a punto il nostro strumento. Accordare la chitarra, all’inizio potrà sembrare un’impressa impossibile da compiere per il giovane aspirante musicista, ma, col passare del tempo ed affinando sempre di più l’orecchio, diventerà un gioco da ragazzi, soprattutto se si considera il fatto che, specie all’inizio dello studio di tale strumento, capiterà di frequente di dover compiere tale operazione.

In questa sede, ci limiteremo a parlarvi dell’accordatura standard, ovvero di quell’accordatura che accomuna tutte le chitarre. E’ bene tenere presente che, per accordare il nostro strumento abbiamo diverse opzioni a disposizione: dall’accordatore integrato, agli accordatori elettronici esterni facilmente reperibili in un qualsiasi negozio di strumenti musicali, all’accordatura manuale che vi sarà illustrata di seguito, tramite l’uso di un diapason fino ad alcuni software appositi reperibili sul web o, in alternativa, all’uso di accordatori online.

Prima di procedere con una breve guida che vi consentirà di apprendere le nozioni di base per poter accordare manualmente il vostro strumento, è bene numerare le corde della nostra chitarra, operazione che ci renderà più facile il compito. In tal senso, impugnando la chitarra (nel caso specifico di una chitarra a sei corde suonata da un destro), la prima corda è quella più sottile, mentre la sesta è la più spessa. La numerazione, dunque, va dal basso verso l’alto, nel modo seguente:

  • Prima corda: MI cantino (più sottile)
  • Seconda corda: SI
  • Terza Corda: SOL
  • Quarta Corda: RE
  • Quinta Corda: LA
  • Sesta Corda: MI basso (più spessa)

Accordare uno strumento, significa proprio verificare che ogni corda che noi abbiamo numerato, se pizzicata a vuoto, riproduca la nota alla quale corrisponde. Per fare questo, dovremmo dotarci di uno strumento apposito, che, come accennato, potrà essere di diversa natura: un diapason, un accordatore elettronico, un software apposito scaricato sul nostro pc dalla rete o un accordatore online.

In questo caso, noi faremo ricorso ad un diapason, facilmente reperibile ed economico e che agevola l’esercitazione del nostro orecchio.

diapason
  • Il punto di partenza che ci permetterà di accordare la nostra chitarra, è la nota LA, ovvero la quinta corda della nostra chitarra: una volta accordato il LA, si procederà con tutte le altre corde. Proprio il diapason, se fatto vibrare, riproduce un LA che vibra a 440Hz; memorizziamo questo suono e suoniamo la quinta corda a vuoto, cercando di riprodurre lo stesso suono, tirando o allentando la corda, facendo cioè girare la chiavetta (meccanica) relativa alla quinta corda, fino a che non verrà riprodotto lo stesso suono del diapason.
  • La prima corda è, a questo punto, accordata, ma ci restano ancora cinque corde: suonando la quinta corda e tenendo premuto il quinto tasto, otterremo un RE: andiamo dunque ad intonare la quarta corda su tale nota;
  • Allo stesso modo, suonando la quarta corda e tenendo premuto il quinto tasto otterremo il SOL ed andremo così ad intonare la terza corda su tale nota;
  • Si procede suonando la terza corda e tenendo premuto il quarto tasto per ottenere il SI ed andremo ad intonare la seconda corda su questa nota;
  • Siamo quasi al termine della nostra accordatura: è necessario suonare la seconda corda tenendo premuto il quinto tasto per ottenere il MI (cantino), ed intonare così la prima corda su questa nota.
  • Fatto ciò, non ci resta che accordare il nostro MI basso, ovvero la sesta corda: facciamo suonare a vuoto la quinta corda già accordata, ovvero il LA e successivamente facciamo suonare la sesta corda (MI basso) al quinto tasto: in tal modo dovremmo ottenere la nota LA.

Inizialmente, tale operazione potrà risultare lunga e faticosa, ma basterà un po’ di pratica per ottenere degli ottimi risultati! Io consiglio sempre di iniziare con questa tecnica e con l’uso del diapason, ma il alternativa, se avete a disposizione un pc mentre andrete ad accordare il vostro strumento, potrete usufruire di questo comodo accordatore online.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 5 / 5. Punteggio articolo: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.