Come ricevere i 600 € del decreto Cura Italia di Conte

Le domande partiranno il 1° di Aprile e speriamo non sia un segno, visto la data scherzosa. Tuttavia vi sono partite iva per cui questi 600 € possono far comodo.

La news sul sito dellinps: https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=53542

Chi ha diritto al bonus da 600 euro

Il bonus da 600 euro sarò erogato agli iscritti alla Gestione Separata dell’Inps che non siano titolari di un trattamento pensionistico diretto e che non siano iscritti ad altre forme di previdenza sociale obbligatoria a esclusione della Gestione Separata dell’Inps.

Oltre ai liberi professionisti con partita Iva e ai collaboratori, l’indennità si rivolge anche a:

– lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni Speciali dell’AGO, l’Assicurazione Generale Obbligatoria (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri);
– lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali il cui rapporto di lavoro è stato cessato in modo non volontario nel periodo dal 1’ gennaio 2019 al 17 marzo 2020;
– gli operai agricoli a tempo determinato con almeno 50 giornate di lavoro agricolo dipendente nel 2020;
– lavoratori dello spettacolo iscritti al Fondo pensioni spettacolo con almeno 30 contributi giornalieri nel 2019 e reddito inferiore a 50mila euro.

Come fare la domanda per i 600 euro

La domanda per usufruire del bonus da 600 euro potrà essere presentata a partire dall’1 aprile 2020 sul sito dell’INPS.

Per accedere al sito si potrà usare una delle seguenti forme:

– PIN dispositivo rilasciato dall’Inps (per alcune attività semplici di consultazione o gestione è sufficiente un PIN ordinario);
– SPID di livello 2 o superiore;
– Carta di Identità Elettronica 3.0 (CIE);
– Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Esiste anche una modalità semplicata

La modalità semplificata, per quanti sono sprovvisti degli strumenti per la procedura ordinaria, consente ai cittadini di compilare e inviare le specifiche domande di servizio, previo inserimento della sola prima parte del PIN, ricevuto via SMS o e-mail, dopo averlo richiesto tramite portale o Contact Center, chiamando il numero verde 803 164.

L’INPS ha fatto sapere che sta per rilasciare una nuova procedura di emissione del PIN con il riconoscimento a distanza, gestita dal Contact Center, che consentirà ai cittadini di ottenere, in un unico processo da remoto, un nuovo PIN con funzioni dispositive senza attendere gli ulteriori 8 caratteri del PIN che ordinariamente venivano spediti tramite il servizio postale.

Speriamo che inps e stato mantengano queste agevolazioni semplificate anche dopo l’emergenze.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 4.5 / 5. Punteggio articolo: 2

No votes so far! Be the first to rate this post.

isacco corradi

Isacco Corradi fin dal 2005 si occupa per passione di internet, trasforma questa sua passione in lavoro nel 2009. Presidente per 10 anni della cooperativa Alpsolution, Sindaco del Comune di Lavarone dal 2015 al 2025, Vicepresidente Fondazione Museo Storico, Consigliere della Magnifica Comunità di Valle, Consigliere della Fondazione Forte Belvedere. Scrive articoli in ottica SEO, ottimizzati per i motori di ricerca e per diletto scrive di tutto un pò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.