Come fare la cicerchiata

Probabilmente il termine “cicerchiata” possiede un significato solo per chi viene dal centro Italia, specialmente Marche, Abruzzo, Molise e Umbria, il che è davvero un peccato, visto che la cicerchiata è uno dei dolci più buoni che esistano! E’ molto simile agli struffoli napoletani ma, mentre questi ultimi si preparano nel periodo natalizio, la cicerchiata è legata ai festeggiamenti di Carnevale.

Il nome deriva probabilmente dalla forma delle palline che la compongono, dall’aspetto molto simile alla cicerchia, un legume paragonabile al pisello o al cece, molto diffuso in epoca medievale (quando probabilmente questa specialità è stata inventata) in tutto il centro-sud.

Esistono due versioni del dolce, la classica gialla, solo con il miele e quella nera, con l’aggiunta del cioccolato. Vediamo insieme come prepararla.

Cicerchiata – Occorrente per la ricetta:

  • spianatoia in legno
  • matterello
  • coltello dalla lama lunga e ben affilata
  • pentola dal fondo piuttosto largo e dalle pareti alte
  • schiumarola o colino o scolapasta
  • padella capiente
  • carta assorbente

Ingredienti:

  • 2 uova
  • 200g di farina
  • 1 cucchiaino di mistrà (liquore all’anice) o di succo di limone (facoltativi)
  • 100g di zucchero
  • 100g di miele
  • 1-2 cucchiai di cacao in polvere per la versione nera
  • olio di arachidi o di girasole o di mais per la frittura

Preparazione:

  • disponete sulla spianatoia la farina a fontana, aggiungete al centro le uova e il mistrà o il limone per aromatizzare e iniziate a lavorare bene, con le mani, l’impasto
  • se vedete che la pasta si attacca troppo alla tavola, aggiungete ancora un pizzico di farina
  • quando il composto è bene amalgamato, iniziate a spianarlo con il matterello fino a raggiungere uno spessore e una consistenza simili alla pasta sfoglia
  • ora tagliate il composto in tante striscioline
  • prendete una delle striscioline e iniziate ad arrotolarla con le mani per creare dei “serpentelli”, proprio come si fa per gli gnocchi, mettendo un pizzico di farina sulla tavola per non farli attaccare al legno (mi raccomando, non troppa perché poi, quando andrete a friggere, potrebbe produrre troppa schiuma)
  • una volta arrotolata, tagliatela in tocchettini di circa 1 cm che potrete lasciare così oppure arrotolarli a formare delle palline
  • friggete i tocchettini in abbondante olio di semi, utilizzando una pentola alta per proteggere meglio i fornelli dalla schiuma che inevitabilmente si formerà (per tenerla sotto controllo, non friggete troppi tocchetti insieme)
  • quando i tocchetti saranno dorati, tirateli fuori dalla pentola usando la schiumarola o lo scolapasta o il colino e disponeteli su un piano, coperto di carta assorbente, abbastanza distanziati per evitare che si attacchino
  • ora prendete la padella e mettete a scaldare a fuoco medio lo zucchero e il miele. Se volete fare la versione al cioccolato, aggiungete anche il cacao in polvere e amalgamate con cura
  • quando si saranno sciolti bene, aggiungete i tocchetti fritti e mescolate accuratamente con un cucchiaio di legno fino a quando i tocchetti non saranno completamente impregnati e inizieranno ad attaccarsi l’uno all’altro
  • quando saranno pronti, toglieteli immediatamente dal fuoco e disponeteli sul piatto, dando loro la forma desiderata, che solitamente è a ciambella allungata
  • per lavorarli meglio, bagnatevi le mani con acqua fredda in modo che i tocchetti non si appiccichino alle vostre dita
  • lasciate raffreddare e poi gustate la vostra cicerchiata, rigorosamente con le mani perché, come per le famose patatine, leccarsi le dita fa parte della goduria!

La forma che vi consiglio si prediligere è quella a ciambella perché più scenografica e più pratica per fare le porzioni: si taglia infatti agevolmente a fette, che non si sgretoleranno visto che il miele e lo zucchero, caramellando, tengono ben legati tutti i tocchetti.

Io sono cresciuta con l’inimitabile cicerchiata di mia nonna e questa è la sua ricetta, spero piacerà anche a voi!

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.