Come distinguere allergie e intolleranze

Allergie intolleranze alimentari sono in continuo aumento e sempre più persone ne sono affette. Ve ne sarete accorti se siete andati ad una cena con alcuni amici e in molti non potevano mangiare qualche alimento e vi raccontavano la rinuncia, spesso a malincuore, di qualche cibo particolarmente gustoso o un nuovo regime alimentare da seguire per curare un’intolleranza.

È bene però fare una distinzione ben precisa tra le allergie e le intolleranze, visto che le prime purtroppo possono portare, fortunatamente in pochi casi, ad avere uno shock anafilattico e rischiare la vita.

L’allergia alimentare è una reazione immunitaria all’ingestione di uno specifico alimento: il nostro corpo produce degli anticorpi che cercano di contrastare questo alimento, come farebbero in caso di virus e batteri. Lo scontro tra questi anticorpi e la sostanza provocano la reazione allergica, che si manifesta immediatamente e in maniera più o meno violenta.

In caso invece di intolleranza i sintomi si possono anche manifestare a distanza di ore e gironi e con sintomi molto variabili, da qui anche la difficoltà di diagnosi e cura.

L’allergia può provocare immediatamente prurito e gonfiore alle labbra, al palato e alla gola e anche problemi intestinali, come diarrea e vomito. La reazione varia anche in base alla quantità di cibo ingerito e se compaiono sintomi più gravi, come difficoltà respiratorie, bisogna immediatamente chiamare soccorso o recarsi al pronto soccorso.

L’intolleranza alimentare è invece una reazione indesiderata del nostro organismo ad un alimento che il nostro corpo fa fatica ad assimilare. Si manifesta con sintomi a carico dell’apparato digerente, che però possono provocare sintomi di tipo vario.

Le intolleranze più gravi, che vengono per questo associate a delle vere e proprie allergie pur non coinvolgendo il sistema immunitario, sono la celiachia e l’intolleranza al lattosio.

L’allergia si individua con i test allergici che si fanno in ospedale o strutture riconosciute. Sulle intolleranze invece c’è ancora molta confusione e metodi non sempre riconosciuti ufficialmente per individuarla. Se sospettate un’intolleranza alimentare rivolgetevi comunque al vostro medico che vi indicherà la terapia più adatta, che in base alla gravità dei vostri sintomi comporterà l’esclusione parziale o totale degli alimenti incriminati, per poi reintrodurli gradualmente.

Attualmente dalle intolleranze con la giusta terapia e pazienza è possibile guarire completamente; mentre nel caso delle allergie nella maggior parte dei casi non è possibile guarire, ma la ricerca medica (visto la grande e recente diffusione del fenomeno) aggiorna continuamente le terapie e i rimedi contro i sintomi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle e dai un voto!

Risultato 0 / 5. Punteggio articolo: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.